Asta banda larga mobile: ci sono le regole, non le frequenze

di alex il 19 maggio 2011

Agcom ha pubblicato il provvedimento con le linee guida per assegnare nuove frequenze alla banda larga. Un’asta da 2,4 miliardi di euro che avrà 300 MHz di spettro nelle frequenze a 800, 2000, 1800 e 2.600 Mhz. Il refarming- già in corso in verità- permetterà inoltre di usare per la banda larga le frequenze 1800 MHz, ora utilizzabili solo per il Gsm.

Una mossa in linea con quanto hanno deciso le Authority dei principali Paesi europei. Agcom infatti ha accolto due principi che si stanno affermando in Europa: i vincitori dell’asta dovranno coprire una quantità minima di comuni (per ridurre il digital divide); c’è un tetto massimo di frequenze a cui ogni concorrente può ambire (per sviluppare la concorrenza).

Peccato che ci sia ancora un pasticcio politico a bloccare l’asta.

Continua

{ 2 commenti }

Jayne luglio 16, 2019 alle 9:57

Fine way of explaining, and pleasant piece of writing to take
daata concerning my presentation subject matter, which i am going to convey in institution of higher education.

Deeann Woldridge luglio 23, 2019 alle 7:29

Excellent post. I was checking constantly this blog and I am impressed!

Very useful info particularly the last part :) I care for such information a lot.

I was seeking this particular information for a long time.
Thank you and god luck.

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.

{ 1 trackback }

Articolo precedente:

Articolo successivo: