Il sensore prevede la catastrofe

di alex il 16 luglio 2013

L’umanità sta affidando a una rete di sensori un sogno antico. Il più ambizioso, anche, nel suo millenario e conflittuale rapporto con la natura: poterla controllare per non doverne più subire i cambi d’umore. Il devastante imprevisto di una grandine che distrugge i raccolti. Uno tsunami che si abbatte sulla costa. Un terremoto. Passando da un più banale incendio, che però tanti danni fa a boschi e colture.

Ma c’è disastro e disastro. Alcuni possono essere evitati, basta prevederli per tempo. Per altri, l’umanità deve accontentarsi di poterli prevedere. Per altri ancora nemmeno quello- vedi i terremoti- ma almeno li può tracciare quando accadono. Lo scopo è sempre lo stesso: ridurre i danni, almeno, se non è possibile evitarli. A patto di avere il sensore giusto dalla propria.

Se ci spaventano le improvvise grandinate o le piogge torrenziali che distruggono un raccolto, ci sono per esempio i sensori sviluppati dai ricercatori dell’Kerala Agricultural University, in India. Una stazione  monitora il micro clima della zona e, grazie a oggetti sensori posti nel terreno, le sue condizioni. A una tecnologia simile sta lavorando Ibm. «Secondo il dipartimento di Stato dell’agricoltura statunitense, le previsioni meteo sbagliate causano il 90 per cento delle perdite dei raccolti. Servono previsioni di nuova generazione, accurate fino al livello di singola fattoria», dice Lloyd Treinish, responsabile del team di scienze ambientali presso il Thomas J. Watson Research Center di Ibm.

È possibile grazie non solo ai sensori ma anche ad algoritmi sofisticati e a super computer che interpretino i dati rapidamente. Anche le malattie distruggono i raccolti e in questo caso i sensori servono per rilevare le condizioni che le favoriscono (umidità del suolo e delle piante, per esempio), permettendo così di correre ai ripari. Avviene in Galizia e nelle Langhe. In questo caso i sensori devono essere distribuiti in più punti, persino sulle piante, e comunicare i dati raccolti attraverso una rete wireless (su onde radio). Ci sarà sempre un computer da qualche parte che li riceve tutti aggregati, li interpreta, ed eventualmente lancia l’allarme al contadino.

Stesso funzionamento hanno i sensori che, posti sugli alberi, possono monitorare la presenza di incendi e tracciare l’ora, il luogo, lo spostamento del fuoco. E’ un progetto sperimentato dal Comune di Roma. In Australia stanno provando a fare lo stesso tramite piccoli droni- velivoli automatici- dotati di videocamera e sensori termici.

«In Italia siamo all’avanguardia per lo studio di sensori che misurano gli smottamenti del terreno e possono così prevedere grandi frane distruttive per un paese. E’ un progetto del Centro nazionale delle ricerche», dice Mario Calderini, docente del Politecnico di Torino e responsabile area Smart Cities per l’Agenzia dell’Italia Digitale.

«Ma abbiamo anche una buona rete di sensori sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Monitora in tempo reale i movimenti tellurici nel sottosuolo», continua. Adesso l’Istituto mira a elaborare un primo modello scientifico di propagazione delle onde sismiche sull’intero territorio nazionale, tramite uno dei più potenti super computer al mondo (Enrico Fermi, a Bologna, presso il consorzio universitario Cineca).

Lo scopo non è prevedere un terremoto ma di coglierlo subito- per allertare la popolazione-, capire meglio come agisce e accelerare poi il recupero del territorio. Allo stesso scopo è nata la grande rete di sensori in California, che di terremoti se ne intende.

Ma a volte non si può far da soli. La lotta alle catastrofi costringe i popoli a collaborare. Succede nel Sud est asiatico, dove i sensori monitorano i movimenti idrografici su fiumi molto lunghi, che attraversano diverse nazioni. È internazionale anche la rete di sensori sottomarini per prevedere tsunami nel Pacifico. I sensori sono sul fondo, dove rilevano il livello delle acque in base alla quantità di pressione che avvertono. Sono collegati ad antenne galleggianti che mandano questi dati via satellite alla World Meteorological Organization. Qualunque scienziato dotato di internet può leggerli per stimare le possibilità di uno tsunami.

 

Sta maturando un’idea. Che la tecnologia non basta. Organizzazioni, Regioni e Paesi diversi devono collaborare per aggregare i dati che vengono rilevati in vari posti. Solo così potremo ricavarne un senso complessivo. «In Italia potremmo fare molto. Anzi, dovremmo, visto che siamo in un territorio critico per i disastri naturali. Ma siamo in forte ritardo», dice Michele Vianello, direttore del Parco Scientifico tecnologico Vega di Venezia e autore del libro Smart Cities, pubblicato a marzo da Maggioli Editore. «Gli oggetti intelligenti, dotati di sensori e di connessioni, possono dare infiniti benefici per la cura dell’ambiente e la prevenzione dei disastri- spiega. Ce ne sono già molti funzionanti in Italia, per i fiumi, i movimenti tellurici. Però i loro dati sono sfruttati male». «Il motivo è che non abbiamo ancora maturato una cultura della gestione e dell’apertura dei dati. Cioè le istituzioni non li rendono disponibili al pubblico e all’esterno». Ma i dati devono essere aperti e accessibili per essere studiati da comunità scientifiche internazionali ed essere aggregati con quelli rilevati da altri sensori. E arrivare così a una conoscenza che è superiore alla somma delle parti.

 

Controllare la natura con la tecnologia è un vecchio sogno ambizioso. Ancora di più lo è- pare- la collaborazione di persone e popoli oltre i rispettivi recinti culturali.

 

(uscito sul Domenicale di Repubblica)

{ 10 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

Priscila ottobre 11, 2015 alle 22:19

I recognise those bowls – I got some too!! I love how much proesgrs you are seeing with these children as you work with them over a matter of weeks. I’m afraid our snow is always gone in a matter of hours so we just make the most of enjpying it as it is. Kierna

Replica

Earnestine novembre 19, 2015 alle 19:20

This is the very best growtopia hack i’ve downloaded, straightforward to use and yyou get every thing it’sworthwhile to play this game.

Replica

Blog Mamae Sarada marzo 23, 2016 alle 14:47

Em somente 2 meses, você poderá ver logo quais são
as diferenças corporais e, quando pesquisar na net sobre este curso, verá as fotos do antes e do depois de muitas alunas que arriscaram e
que tiveram sucesso com Projeto Mamãe Sarada.

Replica

projeto mamae sarada funciona marzo 23, 2016 alle 19:28

Aos poucos vou contando minhas idéias para este novo projeto que terá
muitas etapas.

Replica

Http://Vivernainternet.Com.Br/Iniciadora-Top/ marzo 29, 2016 alle 4:45

Basta clicar em: Já conheço uma consultora de Beleza
e colocar meu código de iniciadora: G12675 e código da nossa unidade:
8899 e preencher os dados solicitados.

Replica

Cecila marzo 31, 2016 alle 3:44

This is the perfect site for everyone who wants to
understand this topic. You know so much its almost tough to argue with you (not that I actually will need to…HaHa).
You definitely put a brand new spin on a topic which has been discussed for years.
Great stuff, just excellent!

Replica

Kassie aprile 18, 2016 alle 19:25

Entre os recursos providos pelo OpenLDAP é respectivo
vínculo com softwares de criptografia, provendo um nível a mas na segurança
da transmissão.

Replica

comm aprile 30, 2016 alle 17:20

Do mesmo modo que você, muitas raça tem interesse em comprar produtos importados originais e
com nota fiscal, por preços mais acessíveis.

Replica

maquiagem para noite com batom vermelho maggio 1, 2016 alle 3:36

Seu pai trabalhava na televisão e foi lá que teve respectivo primeiro contacto com a maquiagem.

Replica

http://www.ecity.com/pages/adwords-brisbane maggio 1, 2016 alle 23:35

Checked ppc service that will assist you to attain one of the most make money and also minimal wastefulness from youur
pay per click advertising campaigns.

Replica

Lascia un commento

Articolo precedente:

Articolo successivo: