Cnet e il capitalismo malato

di alex il 28 marzo 2008

Ora ditemi se non ha tutti i segni del capitalismo malato la decisione di Cnet di mandare a casa 120 lavoratori, non per problemi economici, ma solo per fare aumentare valore alle azioni.
Capitalismo malato schiavo della finanza.

{ 4 commenti }

Stefano Quintarelli marzo 28, 2008 alle 19:40

Chissa’ se i licenziati erano anche azionisti e se sono piu’ o meno contenti…

Giovanni Garofalo marzo 29, 2008 alle 1:37

Parliamo dei licenziati Elitel e compagnia bella?
Sono molto più di 120 cristiani e parecchi, Clienti inclusi, erano pure azionisti! Che fortuna, eh? :)

Giornalisti malati, schiavi della finanza malata….mi permetto di correggere. Dove sono andati a finire i commenti ai post di Elitel Alex? Spero tu dorma sereno la notte :D

Marco marzo 29, 2008 alle 16:52

Sempre il solito modo di fare ‘giornalismo’, citando inoltre fonti altrettanto approssimative come si evince dal fatto che:

- i licenziati sono il 4.4% e non il 10% del personale;
- le azioni sono salite di meno di un punto percentuale a seguito della notizie;

L’obiettivo di qualunque società per azioni è (generalizzando) lavorare per aumentare il valore delle proprie azioni.

Il documento presentato alla SEC prevede inoltre l’incremento del materiale prodotto dalle varie redazioni quindi è probabile che i 120 licenziati fossero effettivamente poco carichi.

Buon ‘lavoro’.

Renee marzo 31, 2008 alle 11:11

e di Parla.it che non risponde più ai numeri e che sembra sia in difficoltà non ne parli? Pure li ci sono dei dipendenti……..
Prendi i sonniferi per dormire?
Torna a parlare di frittate và….

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.

Articolo precedente:

Articolo successivo: