Donazione via Internet

di alex il 31 dicembre 2007

Ho scoperto un sito che raccoglie donazioni online per bambini russi bisognosi di cure mediche. C’è l’elenco dei bambini, la descrizione del problema, quanto serve per l’operazione. A volte sono cifre tutto sommato ridotte, 15 mila euro, per la vita di un bambino. Ma possono farcela solo con il nostro aiuto.
Una delle tante cose belle di Internet- e che i giornali non citano quasi mai perché fa più notizia cianciare di improbabili pedopornografi su eMule- è che permette di fare beneficenza in modo più diretto e informato.
Pensateci

{ 9 commenti }

partito internettiano gennaio 7, 2008 alle 3:08

PARTITO INTERNETTIANO
Via Torelli Viollier, 33 -20125 MILANO
http://www.partitointernettiano.it – email:partint2004@tiscali.it
Comunicato stampa del 06/01/2008
Francesco Miglino, segretario nazionale del Partito internettiano, ha riunito il Gruppo San Francesco per presentare una petizione al Parlamento Europeo affinché intervenga con l’ utilizzo di internet per risolvere il problema della spazzatura a Napoli ed in Campania

Egregio Signor Presidente del Parlamento Europeo,
l’ Europa nelle proprie direttive prevede l’ intervento diretto nelle regioni delle nazioni aderenti in cui le classi dirigenti abbiano dato reiterate prove di tenere i propri cittadini in situazioni di degrado sociale e di calpestare i diritti garantiti dalla Costituzione europea, fondamentali per la convivenza civile. I cittadini campani sono indifesi poiché storicamente è dimostrato che non possono contare su serie forze sociali e politiche interne capaci concretamente di mettere in atto progetti realizzabili per risolvere i problemi: hanno come referenti demagoghi di tutte le risme che impietosamente li irridono con solenni promesse a vuoto.
I FATTI DIMOSTRANO CHE DOPO 14 ANNI DI COSTOSISSIMI ED INUTILI COMMISSARIAMENTI, ANCORA OGGI VENGONO PROPOSTI COMMISSARI E PRONUNCIATE SENZA PUDORE PROMESSE CON LE STESSE FRASI ROBOANTI.
I NAPOLETANI, CHE PAGANO FRA LE PIU’ SALATE TASSE PER LA RACCOLTA RIFIUTI, SONO COSTRETTI A VIVERE NELLA CONDIZIONE DI DEGRADO CHE E’ SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI, CHE HA ROVINATO L’ AVVENIRE DI CAPACI OPERATORI DELL’ ACCOGLIENZA TURISTICA AFFLITTI DA DEVASTANTI DANNI DELL’ IMMAGINE CHE CONIUGA LA CAMPANIA E SPESSO ANCHE L’ ITALIA A UN PAESE INCIVILE IN CUI LA CLASSE DIRIGENTE DISPREZZA I CITTADINI AL PUNTO DA FARLI VIVERE FRA L’ IMMONDIZIA E IL RISCHIO DI CONTRARRE GRAVI MALATTIE .
Signor Presidente,
siamo certi che Lei condivida la immediata esigenza di sottrarre il potere gestionale in Campania a coloro che non capiscono che la sfida ambientalista e la civiltà delle società complesse passa tramite il riciclaggio dei rifiuti trasformati in occasioni di lavoro e di vera ricchezza. L’ Europa deve intervenire dove tristi figuri, in una zona affamata di posti di lavoro, impediscono per collusione con la gente peggiore, la creazione virtuosa del riciclo dei rifiuti e ne fanno invece, e non da oggi ma da decenni, fonte di malattie e di disagio.
E’ indispensabile organizzare interventi con strumenti nuovi e di controllo efficace per evitare il perpetuarsi di degradanti connivenze, false fatturazioni per lavori e trasporti inesistenti, false attestazioni sull’avvenuta pulizia di strade sommerse invece dall’ immondizia, mancata vagliatura dei rifiuti come irresponsabilmente già avvenuto per le esistenti ecoballe.. E’ fondamentale, se si vuol superare il fallimentare, dispendioso e beffardo sistema gestionale esistente, metter in atto interventi che sono attuabili da subito:
1) la raccolta differenziata;
2) il controllo, la verifica e la certificazione, dell’avvenuta vagliatura nel rispetto delle norme tramite l’ imparziale ed efficace ricorso all’ informatica cioè con telecamere collocate in punti strategici, videocollegate 24 ore su 24 via internet con il Centro di controllo delle varie zone e dei comparti. Le telecamere videoregistreranno tutte le varie fasi lavorative: dalla fase della raccolta rifiuti, alla pulizia delle strade, alla vagliatura, ai trattamenti, sino ai conferimenti dei rifiuti riciclabili. Nei contratti dei consorzi esistenti ed in quelli da creare dovrà essere inserita la clausola di accettazione del controllo e della videoregistrazione dei propri cicli produttivi da mandare in rete in un sito accessibile via internet dai cittadini ;
3) l’ allestimento da subito di una sala operativa blindata dotata di sufficienti computer e linee dedicate per collegamenti via internet criptati gestiti da software dedicati per il controllo e la videoregistrazione
4) la promozione da subito di un intervento Comunitario affinché gli Italiani possano conoscere, grazie a serie trasmissioni scientifiche pubblicizzate dalle televisioni stato la nuova generazione di termovalorizzatori da installare nelle provincie campane ad emissioni zero, senza camino poichè bruceranno le polveri sottili al loro interno. Solo in tal caso le Comunità campane percepiranno la collocazione nel loro territorio dei termovalorizzatori dell’ ultima generazione come occasione per creare posti di lavoro, produrre energia elettrica e tele riscaldamento e la spazzatura sarà recepita come preziosa risorsa energetica e non come fonte di malattie, degrado ed afflizione sociale ;
5) una onesta e diffusa campagna di informazione sui termovalorizzatori, condotta da esperti e non dai demagoghi, spingerebbe le comunità locali e chiederne la installazione sul proprio territorio ed
a sciogliere il perverso grumo di interessi che la delinquenza organizzata ed i politici indegni traggono dal persistere dallo status quo ;
6) avviare la costruzione di termovalorizzatori con tecnologia avanzata nelle province che hanno dato la loro disponibilità e dispongono di siti di insediamento allineando la Campania ai più progrediti Paesi europei;
7) la convocazione ed il monitoraggio delle potenzialità dei Consorzi esistenti e dei Comuni che hanno dato la propria disponibilità per creare linee di vagliatura, impostare la strategia di intervento, concordare standard produttivi, disporre incentivi premianti per coloro che superano gli standard produttivi, assumono e qualificano personale e videodimostrano di assolvere con serietà al proprio ruolo;
8) l’ insediamento di linee per la vagliatura dei rifiuti, l’ incentivazione per collocare all’ interno dei luoghi di vagliatura linee per la trasformazione diretta di alcuni rifiuti in prodotti da conferire sul mercato (macchine che trasformano i residui in legno in trucioli per alimentare stufe, macchine che trasformano i residui plastici in prodotti finiti, sistemi che trasformano gli umidi in concime…);
9) il controllo e la certificazione tramite una Commissione Europea di esperti che attesti la non nocività delle emissioni dell’ attuale termovalorizzatore e l’ imposizione di eventuali modifiche affinché non inquini;
10) il controllo sulla composizione delle ecoballe affinché risultino combustibili per il termovalorizzatori.
Egregio Signor Presidente,
il nostro appello è motivato dal profondo convincimento che solo una Commissione di tecnici estranei all’ ambiente politico italiano, di provata capacità gestionale e scientifica possa aiutare la Campania ad uscire dalla situazione in cui l’ hanno ridotta 14 anni di commissariamento e di sprechi inimmaginabili di denaro pubblico.
Le descriviano parte della situazione in cui versa la Campania:
- mancata campagna di informazione per far conoscere ai cittadini che la parte fondamentale e virtuosa dell’ intero ciclo dello smaltimento rifiuti è la raccolta differenziata e il valore ecologico del recupero e del riciclaggio delle materie prime;
- mancata creazione di consorzi dislocati strategicamente sul territorio delle autonomie locali, vincolati a standard produttivi, per vagliare i flussi di rifiuti organici, ingombranti, e per valorizzare metalli ferrosi e non ferrosi, vetro e carta affinché lo smaltimento mediante termovalorizzatori diventi la fase residuale delle gestione rifiuti ;
- palese mancanza di volontà di attivare la raccolta differenziata e sabotaggio della stessa come prova il gravissimo ed intenzionale spreco di risorse umane con il mancato utilizzo di 2.316 operatori a libro paga, assunti specificamente per la raccolta differenziata che, realizzata , avrebbe diminuito notevolmente il volume dei rifiuti da conferire alle discariche e creato utili con il collocamento delle materie riciclabili sul mercato;
- inutilizzo dei mezzi meccanici nuovi acquistati specificamente per la raccolta differenziata e mancata custodia degli stessi, poiché ben 50 veicoli sono stati rubati ed i rimanenti invece di essere utilizzati per la raccolta differenziata pare siano utilizzati per la raccolta ordinaria da aziende private ;
- pervasività della criminalità organizzata nelle varie fasi della gestione rifiuti anche per i lunghi commissariamenti e la deresponsabilizzazione dei soggetti pubblici locali ;
- incongruenze logistiche che determinano l’ ampliarsi della movimentazione rifiuti con tortuosi e lunghi tragitti per la collocazione della spazzatura e la necessità di ricorrere a chi detiene interi parchi di automezzi spesso nelle mani della criminalità organizzata;
- tardivo ricorso allo smaltimento tramite termovalorizzatore e violazione del decreto Ronchi e degli accordi comunitari che prevedevano la costruzione in Campania di 5 termovalorizzatori, uno per provincia ;
- scelta insensata di costruire un termovalorizzatore sovradimensionato, che scoraggia la raccolta differenziata per essere alimentato, collocato in Acerra, luogo inserito in un contesto geografico in partenza già inquinato e con alta mortalità per affezioni alle vie respiratorie e tumori;
- mancata richiesta all’ aggiudicante del termovalorizzatore da parte dell’ Autorità locale di tabelle comparative e relazioni tecniche attestanti la tecnologia più perfezionata e sicura del termovalorizzatore e mancata pretesa, per tutelare la salute dei propri amministrati, che la tecnologia costruttiva del termovalorizzatore fosse dell’ ultima generazione senza camino e ad emissione zero di gas ed aerosol;
- sottovalutazione e mancata considerazione per i contributi scientifici del prof. Umberto Arena da acquisire invece con molta attenzione per ottimizzare le scelte logistiche e le politiche di controllo e di gestione dell’ impiantistica;
– sparizione dell’ accordo di programma con la società aggiudicataria e dunque sostanziale genericità dei profili relativi alla tempistica e degli interventi su cui era fondata la gara d’appalto;
- mancata richiesta all’aggiudicataria in fase di gara di un dettagliato progetto relativo alla disponibilità di aree di stoccaggio del CDR e delle discariche di supporto in attesa della messa a regime del termovalorizzatore ,
- mancata regolamentazione della frazione organica stabilizzata con descrizione delle caratteristiche tecnico-scientifiche;
- mancanza di presupposti strutturali e lavorativi per realizzare quanto definito dal comma 5 dell’ articolo 1 dell’ ordinanza n. 2774 del 1998 per la maggiore protezione ambientale e garantire la massima economicità di gestione ;
- riscontro di diversita’ dei parametri di umidità e potere calorifero previsto dal decreto ministeria del 5 febbraio 1998;
- riscontri di anomalie nelle ecoballe con percentuali di arsenico superiori ai limiti imposti;
- riscontri macroscopici della mancata fase di lavorazione primaria provata dalla presenza di ruote complete di gomme e cerchioni nelle ecoballe;
- riscontro di valori oltre i limiti previsti dalla tabella della frazione umida;
- verifica di casi di corruzione e di collusione con la criminalità organizzata da parte di pubblici amministratori ;
- non disponibilità di discariche, carenza prevedibile e sottaciuta da parte dei Responsabili della Regione Campania che per tali gravi omissioni di atti di ufficio hanno causato il disastro attuale e che debbono essere denunciati all’Autorita’ giudiziaria italiana ed europea;
-creazione di Comitati per concordare azioni legali contro gli Amministratori campani, la richiesta di risarcimento delle gravissime e dimostrabile perdite subite dagli Operatori del turismo di Napoli ed hinterland e della Cittadinanza campana per la situazione di degrado conosciuta a livello mondiale.

Mettiamo a disposizione gratuitamente l’ esperienza degli Ingegneri informatici del Gruppo San Francesco del partito internettiano, per la creazione di software dedicati, la strutturazione della rete, la collocazione strategica e il collaudo delle telecamere per l’avvio ed il collaudo dei registratori e dei computer mentre per la scelta e l’ acquisizione della sede del Centro operativo di controllo, facciamo un passo indietro certi che lo risolverà l’ Europa per soccorrere una popolazione sfortunata, e far risorgere la Campania vittima della perversione e dell’ indifferenza a cui sono giunti i demagoghi e gli oligarchi, che solo l’ intervento europeo può convincere di farsi da parte come auspica anche il Capo della Procura di Napoli Giovan Domenico Lepore

PARTITO INTERNETTIANO Milano 06/01/2008
Francesco Miglino
Segretario nazionale

gruppo san francesco aprile 27, 2008 alle 11:30

PARTITO INTERNETTIANO
Via Torelli Viollier, 33 – 20125 MILANO- partint2004@tiscali.it

IL GIORNALISMO POST-INTERNETTIANO DEVE ESSERE SOPPRATTUTTO SERVIZIO SOCIALE E SE INTERVIENE SULLA CAMORRA DEVE CHIAMARE IN CAUSA LA MAGISTRATURA E GLI UOMINI DELLE ISTITUZIONI PAGATI DALLO STATO PER FAR RISPETTARE LA LEGGE E SMASCHERARE I MISERABILI POLITICI CONNIVENTI.
IL GIORNALISMO DI SANTORO, CHE PROBALIMENTE NON CONOSCE LE MULTIANGOLAZIONI DELLA COMUNICAZIONE INTERNETTIANA, NELL’ ULTIMA TRASMISSIONE, NON DENUNCIA LE OMISSIONI DEGLI UOMINI DELLE ISTITUZIONI, NON CONSEGNA I NOMI DEI POLITICI VERI RESPONSABILI CHE DAL DEGRADO TRAGGONO PROFITTI MA CI INFORMA CHE LA CAMORRA ISPIRA FILM E SCENOGRAFIE, CHE E’ IMPRENDIBILE, CHE PROSPERA NEL SUD.
INVECE DI EVIDENZIARE CHE LE PAZIENTI POPOLAZIONI MERIDIONALI SONO VITTIME DELLA SITUAZIONE PER LA PALESE LATITANZA DELLO STATO, LASCIA INTENDERE CHE SONO CONNIVENTI.

Il gruppo San Francesco scopre nella presa di posizione del segretario nazionale del partito internettiano Francesco Miglino in occasione della trasmissione “SUD” a firma di Michele Santoro, molte affinità con l’ attuale messaggio di Michele Santoro sulla gente del Sud:

“ PERVERSIONE DI SANTORO E NON “SUD” DOVREBBE CHIAMARSI LA TRASMISSIONE DI RAI 3 SUL MERIDIONE.
SONO INCALCOLABILI I DANNI MORALI ED ECONOMICI CHE IL DELIRIO DI SANTORO CONTINUA A PROCURARE ALL’ IMMAGINE DEL SUD ABITATA DA 26 MILIONI DI CITTADINI DI GRANDE DIGNITA’, CIVILTA’ E CULTURA A CUI L’ ITALIA DEVE TUTTO.

Non sappiamo se la deontologia di un giornalista pagato con danaro pubblico permetta di varcare impunemente i canoni dell’ obiettività e della verità, di cancellare da intere regioni ogni dignità e sconfinare nella calcolata scelta di argomenti per ferire, diffamare, soddisfare il desiderio incontenibile e malsano di rappresentare il degrado e ostentarlo come prova forte della condizione meridionale. Non sappiamo se l’ autocompiacimento masochistico inconsapevole, estremizzato dall’ impellenza delirante di una estroversione viscerale, possa prescindere dai contenuti e dall’ uditore e possa definirsi documento, informazione. Nessuno vieta a Santoro di rappresentare le proprie patologie fra amici, negli ambiti ristretti di una filo-drammatica. Ma avere l’arroganza di propinare come documento probante a milioni di Italiani e di stranieri la propria lettura personale distorta come oggettiva della realtà del Sud, orientando giudizi e creando condizionamenti nei rapporti tra persone e tra popoli, è pura malvagità, è un’ operazione antisociale che alimenta pericolose tendenze antimeridionali.
E’ evidente la faziosità con cui sono puntate le telecamere di Santoro, l’ ostinarsi delle storie di sventurati, le inquadrature lunghe ed ossessive sul degrado, il compiacersi premuroso di dire al mondo che il Sud è abitato da una umanità degradata ed arresa come scelta di vita.
Ci vorranno decenni prima che intere generazioni di giovani del Nord superino e chiariscano i pregiudizi ed il disprezzo verso il Sud inoculati da Santoro. L’ apologeta dell’ accanimento impietoso e violento per immagini sulla condizione umana sventurata, priva di coscienza critica, disconosce sia la poesia pasoliniana che il cristianesimo precostantiniano con cui il Parsanese nobilitava gli sventurati del villaggio.
Santoro, ex funzionario del PCI di Salerno, come il suo partito, dimostra di non avere la carica culturale e morale per accusare frontalmente i carnefici , che nel Sud hanno nome e cognome e scambia per denuncia il facile sensazionismo, rappresentando incolpevoli in una abiezione spettacolare intrinsecamente colpevole. Ed il vuoto dei referenti e di messaggi non va oltre l’ offrire vittime sacrificali per rafforzare i “valori” borghesi e le feroci gerarchizzazioni della società consumistica. Priva dei postulati culturali della denuncia circostanziata, che smaschera i veri colpevoli, la rappresentazione diventa impietosa, macabra, e lascia trapelare un cinismo contorto e morboso .
Nessuna denuncia definita, nessun nome consegnato alla Magistratura, solo timidamente pronunciati i nomi di Gava e Patriarca. Il delirio di Santoro che ha cercato di nobilitarsi evocando atmosfere pasoliniane, non aiuta l’ analisi sui veri mali del Meridione, ma soddisfa solo la domanda di quella parte del Nord che vuole prove che attestino l’ inferiorità e il degrado di un Sud da cui prendere le distanze.
Francesco Miglino”

Gruppo San Francesco
Partito internettiano

gruppo san francesco maggio 2, 2008 alle 12:17

PARTITO INTERNETTIANO
Via Torelli Viollier, 33 – 20125 MILANO
http://www.partitointernettiano.itpartint2004@tiscali.it

SOCCORRERE LE POPOLAZIONI CAMPANE E DARE INDICAZIONI CERTE AI RESPONSABILI ISTITUZIONALI PER RISOLVERE IL PROBLEMA DEI RIFIUTI, E’ UN DOVERE DI TUTTI GLI ITALIANI
OGGI E’ POSSIBILE EFFICACEMENTE TRASFORMARE L’ IMMONDIZIA IN RISORSA, LIBERARE LE POPOLAZIONI CAMPANE DALLA MINACCIA ALLA SALUTE, RECUPERARE L’ IMMAGINE DELL’ ITALIA UTILIZZANDO UN MODERNO IMPIANTO ITALIANO DEL C.R.N. IL “THOR” RECENTEMENTE TESTATO CON SUCCESSO A TERRANOVA.

FRANCESCO MIGLINO E’ STATO TEMPESTIVAMENTE INFORMATO DAL GRUPPO SAN FRANCESCO DI CATANIA CHE LA FASE DI SPERIMENTAZIONE E DI MESSA A PUNTO DELL’ IMPIANTO SPERIMENTALE DI TORRENOVA E’ TERMINATA CON SUCCESSO ED IL THOR E’ PRONTO PER ESSERE PRODOTTO IN SERIE E CONSEGNATO AI COMMITTENTI ENTRO 4-6 MESI DALLA DATA DELL’ ORDINE .

SI ATTIVINO I RESPONSABILI DEL PIU’ GRAVE DISASTRO ECOLOGICO PREVEDIBILE DELL’ EUROPA CHE HANNO GETTATO INTERE POPOLAZIONI NEL DEGRADO IGIENICO, ROVINATO FAMIGLIE DI CAPACI IMPRENDITORI DELL’ ACCOGLIENZA CAMPANA.
DIANO PROVA DI NON PROTEGGERE INTERESSI INCROCIATI PER FARE “CARTELLO” CON I GRANDI GESTORI DEI RIFIUTI (DISCARICHE, INCENERITORI E TRASPORTI), ORDINANDO GLI EFFICACI IMPIANTI DEL CRN NON INQUINANTI E COLLOCABILI IN POSTAZIONI STRATEGICHE, POCO COSTOSI, POCO INGOMBRANTI, FACILMENTE TRASFERIBILI, CAPACI IN BREVE TEMPO DI TRASFORMARE L’ IMMONDIZIA GIACENTE SULLE STRADE CAMPANE IN RISORSA .

UN PRIMO LOTTO DI 20 IMPIANTI THOR DEL COSTO DI CIRCA 2 MILIONI DI EURO CADAUNO, E’ IN GRADO DI SMALTIRE 160 TONNELLATE ALL’ ORA, DI RICAVARE DAI RIFIUTI RICCHEZZA, DI EVITARE LO SPERPERO QUOTIDIANO DI DENARO PUBBLICO PER I COSTOSISSIMI TRASFERIMENTI DEI RIFIUTI IN GERMANIA E DI IMPEDIRE LA DEVASTAZIONE DEL TERRITORIO CON L’ APERTURA DI NUOVE DISCARICHE.
SAREBBE UN’ INTOLLERABILE OMISSIONE NON RISOLVERE LA DISPERATA CONDIZIONE IN CUI VERSANO LE POPOLAZIONI CAMPANE VERSO CUI CHI OCCUPA RUOLI ISTITUZIONALI HA PERPETRATO LA PIU’ ABIETTA VIOLAZIONE DELLA COSTITUZIONE CON UN DISSERVIZIO CRIMINALE CHE ANCORA OGGI SOTTO I NOSTRI OCCHI ATTENTA ALLA SALUTE DEI CAMPANI E CONTINUA A DETURPARE NEL MONDO L’ IMMAGINE DELL’ ITALIA CON GRAVISSIMI DANNI CHE PAGHIAMO TUTTI NOI .

IL THOR, IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI INDIFFERENZIATI E’ STATO SVILUPPATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ED HA LE SEGUENTI CARATTERISTICHE:

1) Non inquina perché le pressioni che si generano nel mulino sono dalle 8000 alle 15.000 atmosfere e determinano la completa distruzione delle flore batteriche e l’ acqua sterilizzata non emana odori e viene espulsa sotto forma di vapore durante in processo di micronizzazione.
2) E’ completamente autonomo perché si alimenta con i rifiuti.
3 E’ molto economico perché il costo di raffinazione per ogni tonnellata di rifiuti è di € 40 contro il costo del conferimento in discarica che è di € 100 e del termovalorizzatore che è di € 250 a cui poi bisogna aggiungere il costo dello smaltimento scorie e ceneri.
4 Occupa poco spazio: 300 mq. ed è facilmente smontabile e trasportabile.
5 Da 50 tonnellate di rifiuti ricava mediamente di 30 tonnellate di combustibile, 3 tonnellate di vetro, 2 tonnellate di tra metalli ferrosi e non ferrosi ed una tonnellata di inerti nei quali è compresa anche la frazione ricca di cloro che viene separata per rendere non inquinante il combustibile ;
6 La riduzione dei volumi è da 10:1 ;
7 Alto potere calorifico dei prodotti: (>5000 Kcal/kg) ;
8 Minima quantità di rifiuti prodotti dal trattamento (

gruppo san francesco maggio 19, 2008 alle 17:48

IL COMUNICATO STAMPA CHE CI ASPETTIAMO DAL PRESIDENTE–IMPRENDITORE SILVIO BERLUSCONI

Con l’ investimento di appena 80 milioni di €, pari al 50% del costo dei nuovi filtri necessari all’ obsoleto termovalorizzatore di Acerra, il presidente Berlusconi ha ordinato un primo lotto di 40 impianti THOR capaci complessivamente di trasformare senza inquinare, per ogni ora lavorativa, 320 tonnellate di rifiuti in preziose materie prime ed in materiale altamente energetico.
Alle popolazioni sul cui territorio è stato chiesto di aprire una discarica per superare l’ attuale emergenza il presidente Berlusconi ha fatto giungere, tramite le televisioni locali, la parola del dr. Paolo Plescia, ricercatore del Centro Nazionale delle Ricerche, che ha illustrato l’ efficacia degli impianti THOR ed ha assicurato che i rifiuti indifferenziati saranno trasformati in materie prime ed in materiale energetico entro alcuni mesi.
Il dr. Paolo Plescia ha spiegato che l’ apertura delle discariche è momentanea, poiché dopo sei mesi dall’ ordine, arriveranno i THOR che, essendo trasportabili, saranno collocati nelle prossimità delle discariche sino ad eliminare innanzitutto tutti i rifiuti giacenti.
Numerosi posti di lavoro saranno creati, e l’ immondizia, che prima era una maledizione, sarà trasformata in ricchezza da collocare sul mercato. Non è stato necessario il ricorso alla polizia per aprire discariche momentanee, poiché come precedentemente avvenuto da Vespa con il contratto con gli Italiani, Berlusconi ha mostrato il contratto dell’ ordine dei 40 THOR essendo determinato a risolvere l’ emergenza rifiuti a Napoli e provincia in modo definitivo e remunerativo grazie alla tipica cultura imprenditoriale.
Il Presidente Berlusconi dai rifiuti estrarrà ricchezza, creerà nuovi posti di lavoro, farà conoscere l’ efficacia degli impianti Italiani THOR in tutto il mondo e porrà fine all’ incubo dei rifiuti a Napoli e provincia .
Francesco Miglino
Gruppo san Francesco

PARTITO INTERNETTIANO
Via Torelli Viollier, 33 – 20125 MILANO
http://www.partitointernettiano.itpartint2004@tiscali.it

FRANCESCO MIGLINO luglio 4, 2008 alle 0:22

SCRIVI IL TUO NOME FRA I PROMOTORI DI MILANO A SEDE DELLA GRANDE ARCHITETTURA INNOVATIVA MONDIALE.

PER SECOLI LA SCUOLA ARCHITETTONICA ITALIANA E’ STATA BELLA ED INNOVATIVA ED OGGI HA LA POSSIBILITA’ DI ESSERE ANCORA MAESTRA NEL MONDO E DI PORSI ALL’ AVANGUARDIA IN OCCASIONE DELL’ EXPO 2015 CON UN PROGETTO IMMEDIATAMENTE FATTIBILE, ALTAMENTE INNOVATIVO IN GRADO DI CONIUGARSI CON MILANO, COME PARIGI SI CONIUGA CON LA TORRE EIFFEL: LA “CITTA’ IDEALE” DELL’ ARCHITETTO GUGLIEMO MOZZONI.
E’ UN GLOBO STRUTTURATO IN ACCIAIO E LEGNO CON 240 METRI DI DIAMETRO , ANTISISMICO, ELIOCENTRICO, CHE RECUPERA ED ENFATIZZA LA BELLEZZA DELLA DIMENSIONE UMANA DELL’ ABITARE E DEL RAPPORTARSI PER 25.000 PERSONE. LA SUA REALIZZAZIONE, QUANTIFICATA DALL’ ING. GIORGIO BORRE’ NEL COSTO DI UN MILIARDO E MEZZO TUTTO COMPRESO PORREBBE MILANO AL CENTRO DELL’ ATTENZIONE MONDIALE, CREEREBBE UNA NUOVA SCUOLA ARCHITETTONICO-INGEGNERISTICA, FORMEREBBE MAESTRANZE ALTAMENTE SPECIALIZZATE IN GRADO DI ESPORTARE IL KNOW HOW IN TUTTO IL MONDO, CON GRANDI RITORNI FINANZIARI,
NELLA CAPIENTE MEMORIA DELLA GRANDE MADRE, LA RETE, SARANNO INCISI I NOMI DI COLORO CHE, LIBERI DA COMPROMESSI, VISCHIOSITA’ CLENTELARI, ASSERVIMENTI AI POTERI FORTI, S’ IMPEGNANO PER REALIZZARE IL PROGETTO IN NOME DELLA GRANDE ARCHITETTURA ITALIANA FAVORENDO IL RITORNO TURISTICO ED ECONOMICO CHE LA COSTRUZIONE, UNICA AL MONDO, DAREBBE A MILANO.
METTEREMO IN RETE I NOMI, GLI ATTI, GLI INTERVENTI E DAREMO VISIBILITA’ AI PUBBLICI AMMINISTRATORI CHE, ALL’ INTERNO DELLE ISTITUZIONI, SOSTERRANNO IL PROGETTO NONCHE’ A TUTTI COLORO CHE, CON LE PROPRIE SPECIFICHE COMPETENZE, SI ATTIVERANNO AFFINCHE’ L’OPERA SI REALIZZI.
LA GRANDIOSITA’ DELLA PROPOSTA ARCHITETTONICA DI GUGLIEMO MOZZONI E’ STATA RECEPITA DAI VISITATORI AL CASTELLO SFORZESCO DI MILANO NELL’ ESPOSIZIONE DEL MODELLO DELLA “CITTA’ IDEALE“ ALLA CUI REALIZZAZIONE HA PARTECIPATO GIULIA MARIA CRESPI.
AI POLITICI CHIEDIAMO, COME ATTO DI AMORE PER L’ ITALIA, DI ANTICIPARE UNA PICCOLA PARTE DELLE INGENTI RISORSE DI CUI LA LOMBARDIA DISPORRA’ IN OCCASIONE DELL’ EXPO 2015 E DI AGEVOLARE L’ INSEDIAMENTO IN SPAZI GIA’ DISPONIBILI.
LA“CITTA’ IDEALE”, NEL CUI PROGETTO GUGLIEMO MOZZONI E GIULIA MARIA CRESPI HANNO TRASFUSO IL PROPRIO SENTIRE SOCIALE, RESTITUISCE ALLA DIMORA DELL’ UOMO LA BELLEZZA DEGLI ORTI, DEI GIARDINI E DEGLI SPAZI SOCIALI NONCHE’ LA FUNZIONALITA’ CHE CONSENTE DI RAGGIUNGERE A PIEDI OGNI PUNTO DEL QUARTIERE CON UN PERCORSO DI POCHI METRI.
LE DIFFUSE INNERVATURE INFORMATICHE ADEGUANO ALL’ ERA INTERNETTIANA LA CASA DA CUI E’ POSSIBILE DARE L’ APPORTO DISINTERESSATO DEI PROPRI SAPERI PER LE SOLUZIONI DEI PROBLEMI SOCIALI E DI CONCLAMARE LA CENTRALITA’ DI CITTADINO CON IL CONTROLLO VIA INTERNET SULL’ AGIRE DEI PUBBLICI AMMINISTRATORI COME E’ SCRITTO NEI CANONI DI UNA AUTENTICA DEMOCRAZIA DIRETTA.

Francesco Miglino segretario nazionale del partito internettiano
Via Torelli Viollier, 33 – 20125 MILANO http://www.partitointernettiano.it

Preziosa è la tua adesione: francmi2006@google.com

francesco miglino febbraio 25, 2009 alle 0:36

LE DITTATURE SONO SEMPRE PRECEDUTE DAL POTERE INTIMIDATORIO DELLE “RONDE”
LE CAMICIE BRUNE E LE CAMICIE NERE ALL’ INIZIO ERANO “RONDE”

TUTTE LE PIU’ BRUTALI DITTATURE HANNO AVUTO INIZIO QUANDO ALCUNI CITTADINI, SENZA IL RICONOSCIMENTO DELLO STATO DI DIRITTO, HANNO ACQUISITO IL POTERE INTIMIDATORIO SU ALTRI CITTADINI IN NOME DELL’ ORDINE O DI PRESUNTI SOSPETTI IN OBBEDIENZA A PROGETTI AUTORITARI DI GRUPPI DI POTERE O PARTITI.
IL RICONOSCIMENTO DELLE “RONDE” IN ITALIA APRE LA VIA AL CONTROLLO AUTORITARIO SULLA SOCIETA’ E ALLA PERSECUZIONE DI COLORO CHE AVVERSANO IL REGIME.
FRANCESCO MIGLINO segretario del partito internettiano
http://www.partitointernettiano.itpartitointernettiano@gmail.com

gruppo san francesco gennaio 27, 2010 alle 23:53

NEL GIORNO DELLA MEMORIA IL GRUPPO SAN FRANCESCO RICORDA GLI INTERVENTI DI FRANCESCO MIGLINO SEGRETARIO DEL PARTITO INTERNETTIANO CONTRO IL RAZZISMO ED IL SECESSIONISMO

Egregio signor sindaco di Monza, nel comune da Lei amministrato verrà impunemente accolta la ripugnante carovana razzista della Lega Nord che aizza all’odio contro i Meridionali, insegnanti, magistrati e lavoratori che vivono nel Nord del loro paese. Come ieri i nazisti contro gli ebrei per una presunta superiorità di razza, oggi i razzisti della Lega Nord propongono come argomento politico l’odio fra gli Italiani: dopo aver criminalizzato il Sud con spudorate menzogne, propagandate da irresponsabili operatori dei mass-media, promettono ai propri sostenitori privilegi e scorciatoie che evitano loro il confronto con la cultura e le competenze e il cimentarsi con la preparazione altrui in esami selettivi, condizioni fondamentali per cui si realizza il progresso e la qualità del vivere sociale. Le democrazie moderne debbono difendersi con l’affermazione della legge dall’insorgere di movimenti razzisti e secessionisti che alla competenza contrappongono meriti fondati su pretestuosità barbare come l’appartenenza etnica o di razza, su rivalse tribali di territorialità, segnali inconfondibili della tragica sottocultura che in Europa ha portato prima all’abiezione nazista e poi alla dissoluzione della Jugoslavia. La marcia antimeridionale di rito nazista capeggiata da Umberto Bossi non solo è gravissima violazione delle leggi e dello spirito della nostra Costituzione, ma è inaccettabile perché espressione di una sottocultura a cui si sono opposti, dando la vita, migliaia di Italiani, perché irride ed infanga i principi più nobili su cui si fonda la civiltà della nostra convivenza. Chi pratica l’istigazione alla secessione, organizza squadre paramilitari e, con menzogne grossolane, denigra, insulta e spinge all’odio fra gli Italiani, non ha più diritto di cittadinanza nelle Istituzioni repubblicane e nella casa della politica, ma deve essere affidato ai rigori del Codice penale. L’Italia repubblicana, oltre ad aver collocato fra i principi fondamentali della Carta costituzionale il ripudio di ogni forma di razzismo, è stata anche una delle prime nazioni ad aderire alla Convenzione, aperta alla firma a New York il 7 marzo 1966, contro tutte le forme di discriminazione ed ha elaborato, con la legge di conversione del 26 giugno 1993 contro la discriminazione, l’odio o violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, l’articolo 3, che recita: “E’ vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi. Chi partecipa a tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi, o presta assistenza alla loro attività, è punito, per il solo fatto della partecipazione o dell’assistenza, con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Coloro che promuovono o dirigono tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi sono puniti, per ciò solo, con la reclusione da uno a sei anni”. Chiedere l’intervento della Magistratura e l’arresto di Umberto Bossi in flagranza di reato è un atto dovuto, per non essere corresponsabili di fatto e moralmente di una manifestazione che porta offesa profonda ai Martiri della Resistenza di Monza, che hanno dato la vita proprio per combattere la sottocultura fomentata da Umberto Bossi. Sono certo, signor Sindaco, che, in qualità di primo cittadino, non mancherà di convocare urgentemente il Consiglio comunale, per presentare una circostanziata denuncia alla Magistratura al fine di non essere corresponsabile con il Suo silenzio dei reali gravissimi che, da tempo, sul territorio del Suo Comune ed in Italia la Lega Nord consuma e che sono: – violazione della legge del 17 aprile 1956 n. 561 sul divieto delle associazioni di carattere militare che al punto 2 recita: “Alle associazioni od organizzazioni dipendenti o collegate con i partiti politici è vietato di dotare di uniformi o divise i propri aderenti. I trasgressori sono puniti con la pena dell’arresto da sei a tre anni e le uniformi sono confiscate”; – violazione dell’articolo 238 del Codice Penale e della sentenza n. 1146 del 14/12/1988 della Corte costituzionale che punisce chi attenta alla Costituzione Repubblicana; – violazione dell’articolo 303 del Codice Penale che punisce chi si rende protagonista di pubblica istigazione ed apologia; – violazione dell’articolo 241 del Codice Penale che punisce chi istiga alla secessione ed attenta contro la integrità, l’indipendenza e l’Unità dello Stato, reato che non è legato all’effettivo verificarsi della secessione, ma alle attività finalizzate a questo scopo; – violazione dell’articolo 305 del Codice Penale che punisce chi si rende responsabile di cospirazione politica mediante associazione; – violazione dell’articolo 286 del Codice Penale che punisce chiunque commette un patto diretto a suscitare la guerra civile; – violazione dell’art. 3 della legge 654 modificata il 25/6/1993 n. 122 che punisce l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi; – violazione della legge del 20 giugno 1952 n. 654; – violazione dell’articolo 271 del Codice Penale che punisce chi deprime il sentimento nazionale; – violazione del decreto legislativo n. 1559 del 1947 che punisce chi istiga all’evasione fiscale; *** Al Dirigente responsabile della Questura di Monza e p.c. alla Procura della Repubblica di Milano Il sottoscritto Francesco Miglino residenle a Milano in via Torelli Viollierl 33 – Milano, in proprio CHIEDE – che intervenga affinchè la Lega Nord non violi, con la manifestazione razzista antimeridionale che terminerà a Monza 27/6/97 nei boschetti della villa reale, 1’ art. 3 della legge 654 modificata il 25/6/1993 n. 122 che punisce 1’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi; – che impedisca e denunci all’Autorità Giudiziaria le altre gravissime violazioni commesse dalla Lega Nord: – violazione della legge del 17 aprile 1956 n. 561 sul divieto deile associazioni di carattere militare che al punto 2 recita: “Alle associazioni od organizzazioni diendenti o collegate con i partiti politici è vietato di dotare di uniformi o divise i propri aderenti. I trasgressori sono puniti con la pena dell’arresto da sei a tre anni e le uniformi sono confiscate”. – violazione dell’ articolo 238 del Codice Penale e della sentenza n. 1146 del 14/12/1988 della Corte costituzionale che punisce chi attenta alla Costituzione Repubblicana; – violazione dell’articolo 303 del Codice Penale che punisce chi si rende protagonista di pubblica istigazione ed apologia; – violazione dell’articolo 241 del Codice Penale che punisce chi istiga alla secessione ed attenta contro la integrità, l’indipendenza e l’Unità dello Stato, reato che non è legato all’ effettivo verificarsi della secessione, ma alle attività finalizzate a questo scopo; – violazione dell’articolo 305 del Codice Penale che punisce chi si rende responsabile di cospirazione politica mediante associazione; – violazione dell’articolo 286 del Codice Penale che punisce chiunque commette un patto diretto a suscitare la guerra civile; – violazione della legge del 20 giugno 1952 n. 654; – violazione dell’ articolo 271 del Codicc Penale che punisce chi deprime il sentimento nazionale; – violazione del decreto legislativo n. 1559 del 1947 che punisce chi istiga all’ evasione fiscale; FA ISTANZA – affinchè dopo aver verificato la consumazione dei reati esposti, faccia valere il potere che a Lei personalmente lo Stato conferisce per difendere le Istituzioni dall’eversione e provveda all’arresto in flagranza di reato, come previsto dall’articolo 68 della Costituzione, degli eversori anche se trattasi di parlamentari e al sequestro delle divise paramilitari consistenti in camicie verdi con i gradi della “guardia nazionale padana”. Lei commetterà abuso di potere, omessa denuncia e favoreggiamento, se non agirà come dettato dagli articoli del C.P. 361-362-363, che La obbligano all’arresto in flagranza di reato di coloro che cornrnettono i reati sopra elencati, al sequestro delle divise paramilitari ed alla denuncia presso l’Autorità giudiziaria. Francesco Miglino
Milano 21/6/97

francesco miglino giugno 4, 2010 alle 22:59

AGLI “IMBESUITORI” I POLITICI AFFIDANO IL COMPITO DI DISTRARRE LE MASSE PER NASCONDERE INCAPACITA’ E TRUFFE.
Grazie agli “imbesuitori” oggi scatenati più che mai nel fare regredire il cervello della gente all’ età mentale di 10 anni, il nostro paese si avvia verso la perdita del proprio PATRIMONIO SOCIALE costituito dalla consapevolezza che un popolo ha dei problemi collettivi da risolvere e di come affrontarli insieme per progredire.

Gli “imbesuitori” saturano quotidianamente la testa della gente con pettegolezzi, canzonette, dissertarzioni inconcludenti, trame concepite per facili coinvolgimenti emotivi che per ore, mesi, anni impegnano i cervelli dei culturalmente indifesi senza lasciare loro un attimo di respiro sino a mutilarne il bisogno di riflettere ed il senso critico, suprema conquista del cervello umano che crea il varco fra l’ universo dell’ uomo e le altre specie del regno animale.

Le più corrotte ed ottuse classi politiche hanno bisogno assoluto del lavorio incessante degli “imbesuitori” per fare vivere in ottundente spensieratezza i sudditi.
I volti degli “imbesuitori” entrati nelle case e recepiti come familiari dal popolo vengono poi utilizzati dai corrotti per campagne pubblicitarie finalizzate a far passare scelte e leggi che colpiscono proprio gli interessi dei sudditi.

Immaginate per un attimo la nostra informazione senza gli “Imbesuitori” e finalmente gli italiani possano conoscere in dettaglio l’ agire ed i nomi dei politici che hanno indebitato ed indebitano il nostro paese, umiliano la scuola e la ricerca, creano inefficienza sistemando parenti ed amici impreparati in delicati ruoli istituzionali e sociali, duplicano il costo dei lavori pubblici, entrano nei ministeri da nullatenenti ed escono da proprietari di appartamenti, trascurano l’ avvenire dei giovani… ecc…ecc..
Le stesse masse che gli “imbesuitori” convogliano settimanalmente negli stadi, aprirebbero gli occhi e dopo pochi giorni di informazioni corrette chiederebbero a gran voce giustizia sia nei luoghi istituzionali che sotto le case dei peculatori il cui cielo sarebbe annuvolato dagli elicotteri per la fuga.
Usare la massiccia distrazione di massa come arma politica per nascondere le proprie malefatte è un pericoloso e perverso atto antisociale utilizzato dalle feroci dittature sud americane e che oggi viene tristemente e quotidianamente praticato in Italia.
francesco miglino – segretario del partito internettiano

francesco miglino maggio 12, 2012 alle 20:47

E’ NOSTRO DOVERE CONOSCERE I NOMI DEI DEVASTATORI DEL NOSTRO PAESE.
PER CAPIRE IL DANNI PROCURATI ALL’ ITALIA DALLA INTRODUZIONE NELLA COSTITUZIONE DELLA PARITA’ DI BILANCIO.

UN DOCUMENTO DIRETTO AD OBAMA SU CUI ERA FONDAMENTALE DIBATTERE PER DIFENDERE IL NOSTRO AVVENIRE E’ STATO VOLUTAMENTE IGNORATO DAI GIORNALISTI AFFILIATI ALLE TESTATE A PARTECIPAZIONE BANCARIA.

I PREMI NOBEL PER L’ ECONOMIA SCRIVONO AL PRESIDENTE OBAMA SCONGIURANDOLO DI NON INSERIRE NELLA COSTITUZIONE DEGLI STATI UNITI IL VINCOLO IN MATERIA DI PAREGGIO DEL BILANCIO.

NEL NOSTRO PAESE IN FORTE FASE RECESSIVA, INVECE DI SOTTOPORRE AD UN REFERENDUM POPOLARE LA MODIFICA DELL’ ARTICOLO 81 DELLA COSTITUZIONE, SENATORI E DEPUTATI ITALIANI IN CARICA, ESCLUSI ALCUNI ASTENUTI, INVECE DI DIFENDERCI CHIEDENDO INVESTIMENTI PER RILANCIARE L’ ECONOMIA, INSERISCONO IL PAREGGIO DI BILANCIO NELLA COSTITUZIONE IN OSSEQUIO ALLE DIRETTIVE DELLA GRANDE FINANZA CHE SPECULA SUI NOSTRI CONTI E RENDE’ AMARA ED INSOPPORTABILE LA VITA DI TUTTI NOI.

LETTERA INVIATA DAI PREMI NOBEL AL PRESIDENTE U.S.A.

Cari presidente Obama, presidente Boehner, capogruppo della minoranza Pelosi, capogruppo della maggioranza Reid, capogruppo della minoranza al Senato McConnell, noi sottoscritti economisti sollecitiamo che venga respinta qualunque proposta volta ad emendare la Costituzione degli Stati Uniti inserendo un vincolo in materia di pareggio del bilancio. Vero è che il Paese è alle prese con gravi problemi sul fronte dei conti pubblici, problemi che vanno affrontati con misure che comincino a dispiegare i loro effetti una volta che l’economia sia forte abbastanza da poterle assorbire, ma inserire nella Costituzione il vincolo di pareggio del bilancio rappresenterebbe una scelta politica estremamente improvvida. Aggiungere ulteriori restrizioni, cosa che avverrebbe nel caso fosse approvato un emendamento sul pareggio del bilancio, quale un tetto rigido della spesa pubblica, non farebbe che peggiorare le cose.

1. Un emendamento sul pareggio di bilancio avrebbe effetti perversi in caso di recessione. Nei momenti di difficoltà economica diminuisce il gettito fiscale e aumentano alcune spese tra cui i sussidi di disoccupazione. Questi ammortizzatori sociali fanno aumentare il deficit, ma limitano la contrazione del reddito disponibile e del potere di acquisto. Chiudere ogni anno il bilancio in pareggio aggraverebbe le eventuali recessioni.

2. A differenza delle costituzioni di molti stati che consentono di ricorrere al credito per finanziare la spesa in conto capitale, il bilancio federale non prevede alcuna differenza tra investimenti e spesa corrente. Le aziende private e le famiglie ricorrono continuamente al credito per finanziare le loro spese. Un emendamento che introducesse il vincolo del pareggio di bilancio impedirebbe al governo federale di ricorrere al credito per finanziare il costo delle infrastrutture, dell’istruzione, della ricerca e sviluppo, della tutela dell’ambiente e di altri investimenti vitali per il futuro benessere della nazione.

3. Un emendamento che introducesse il vincolo del pareggio di bilancio incoraggerebbe il Congresso ad approvare provvedimenti privi di copertura finanziaria delegando gli stati, gli enti locali e le aziende private trovare le risorse finanziarie al posto del governo federale. Inoltre favorirebbe dubbie manovre finanziarie (quali la vendita di terreni demaniali e di altri beni pubblici contabilizzando i ricavi come introiti destinati alla riduzione del deficit) e altri espedienti contabili. Le controversie derivanti dall’interpretazione del concetto di pareggio di bilancio finirebbero probabilmente dinanzi ai tribunali con il risultato di affidare alla magistratura il compito di decidere la politica economica. E altrettanto si verificherebbe in caso di controversie riguardanti il modo in cui rimettere in equilibrio un bilancio dissestato nei casi in cui il Congresso non disponesse dei voti necessari per approvare tagli dolorosi.

4. Quasi sempre le proposte di introduzione per via costituzionale del vincolo di pareggio di bilancio prevedono delle scappatoie, ma in tempo di pace sono necessarie in entrambi i rami del Congresso maggioranze molto ampie per approvare un bilancio non in ordine o per innalzare il tetto del debito. Sono disposizioni che tendono a paralizzare l’attività dell’esecutivo.

5. Un tetto di spesa, previsto da alcune delle proposte di emendamento, limiterebbe ulteriormente la capacità del Congresso di contrastare eventuali recessioni vuoi con gli ammortizzatori già previsti vuoi con apposite modifiche della politica in materia di bilancio. Anche nei periodi di espansione dell’economia, un tetto rigido di spesa potrebbe danneggiare la crescita economica perché gli incrementi degli investimenti ad elevata remunerazione – anche quelli interamente finanziati dall’aumento del gettito – sarebbero ritenuti incostituzionali se non controbilanciati da riduzioni della spesa di pari importo. Un tetto vincolante di spesa comporterebbe la necessità, in caso di spese di emergenza (per esempio in caso di disastri naturali), di tagliare altri capitoli del bilancio mettendo in pericolo il finanziamento dei programmi non di emergenza.

6. Per pareggiare il bilancio non è necessario un emendamento costituzionale. Il bilancio non solo si chiuse in pareggio, ma fece registrare un avanzo e una riduzione del debito per quattro anni consecutivi dopo l’approvazione da parte del Congresso negli anni ’90 di alcuni provvedimenti che riducevano la crescita della spesa pubblica e incrementavano le entrate. Lo si fece con l’attuale Costituzione e senza modificarla e lo si può fare ancora. Nessun altro Paese importante ostacola la propria economia con il vincolo di pareggio di bilancio. Non c’è alcuna necessità di mettere al Paese una camicia di forza economica. Lasciamo che presidente e Congresso adottino le politiche monetarie, economiche e di bilancio idonee a far fronte ai bisogni e alle priorità, così come saggiamente previsto dai nostri padri costituenti.

7. Nell’attuale fase dell’economia è pericoloso tentare di riportare il bilancio in pareggio troppo rapidamente. I grossi tagli di spesa e/o gli incrementi della pressione fiscale necessari per raggiungere questo scopo, danneggerebbero una ripresa già di per sé debole.

KENNETH ARROW, premio Nobel per l’economia 1972
PETER DIAMOND, premio Nobel per l’economia 2010
WILLIAM SHARPE, premio Nobel per l’economia 1990
CHARLES SCHULTZE, consigliere economico di J.F. Kennedy e Lindon Johnson, animatore della Great Society Agenda
ALAN BLINDER, direttore del Centro per le ricerche economiche della Princeton University
ERIC MASKIN, premio Nobel per l’economia 2007
ROBERT SOLOW, premio Nobel per l’economia 1987
LAA TYSON, ex direttrice del National Economic Counc

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.

{ 3 trackback }

Articolo precedente:

Articolo successivo: