Strani presagi su Elitel

di alex il 22 novembre 2007

UPDATE
Problema risolto, per il sito e per le caselle. Falso allarme, sembrerebbe. ANche se 16 ore di down non sono normali

UPDATE
I commenti confermano che tutte le e-mail hanno smesso di funzinare. La fonte ufficiale parla di guasto…ma è stato così anche l’altra volta.

Il sito www.elitel.it da ieri non funziona.
Andrea scrive oggi tra i commenti di questo blog: “il DNS di Elitel ha smesso di funzionare poco fa e i server in housing (a Roma) non sono raggiungibili!”.

Il commissariamento non c’è stato, forse alla fine è emerso che Elitel non avesse i numeri per accedere ai benefici di legge.

Voci parlano di una nuova società a gennaio…e che entro aprile saranno stabilizzati tutti gli operatori dei call center del gruppo. Insomma, pare che si prosegua sotto nuova veste. Staremo a vedere.

{ 44 commenti }

Silvia L. novembre 22, 2007 alle 2:07

si ma nel frattempo come si fa ad accedere alle proprie caselle mail?? Si è interrotto tutto senza alcun avvertimento dell’azienda…
Spero di avere illuminazioni

Sergio Sambi novembre 22, 2007 alle 8:44

Buongiorno Alessandro, sono Sergio Sambi presidente della A.E.C.-Delegazione Italiana nonchè esponente dei fondatori del COMITATO NAZIONALE TUTELA UTENTI ELITEL Ti lascio il Numero Verde che abbiamo istituito 800.132.213 Per quanto riguarda le e-mail invece temo che siamo finiti nel mezzo della pozza!!
Sono rimasto con i miei domini personali e quelli dell’associazione nel server Elitel, nonostante i segnali e la situazione potessero indurre ad una fuga. Ho voluto fornire una speranza ai lavoratori ed ai tecnici delle varie aziende facenti parte del “Gruppo” ,con i quali sono rimasto in contatto. Ma come ben comprendi ora siamo “Muti”.
Se entro domani non si trova soluzione saremo costretti a migrare, con tutte le conseguenze del caso, ma soprattutto con i tempi biblici che la cosa comporta. Speriamo bene.
Ti posto successivamente e pubblicamente le ulteriori notizie.
Buona giornata.
Sergio Sambi

Ilfas S.r.l. novembre 22, 2007 alle 8:47

A proposito: eravamo clienti Elitel, siamo tornati a Telecom Italia ma improvvisamente – dopo qualche mese – ci giunge comunicazione da Telecom Italia dell’attivazione del servizio di preselezione automatica con tale Uno Communications S.p.A., servizio da noi mai richiesto! Uno Communications ci segnala che la società responsabile degli ordinativi delle CPS è la Plexia S.p.A.; quest’ultima ci rimanda alla Vive La Vie S.p.A…. società che mi risulta strettamente collegata ad Elitel… o sbaglio?
Cosa c’è sotto? Com’è stato possibile tutto ciò?

Anonimo novembre 22, 2007 alle 10:03

cosa dovremmo fare i fedelissimi di flashnet.it per ricevere i messaggi inviateci tramite flashnet o elitel?
e i soldi da noi pagati per gli abbonamenti? se li sono “spesi” in una buona cena?
margherita da roma – 22 novembre 2007

Marina novembre 22, 2007 alle 11:18

Anch’io sono utente della prima ora (flashnet). E sono rimasta fino alla fine.
Ma ora vorrei, mi perdonino i lavoratori di questa azienda ben poco seria, trovare solo il modo per recuperare la mia posta e sparire veloce come questi speculatori di denaro e fiducia.
E mediatiamo, tutti, su questi imprenditori arraffa e fuggi, specchio e simbolo di un paese non in declino: sepolto, e giustamente, da giovani, poveri e scalpitanti paesi che meritano di piu’.

Marina

PS ci saranno soluzioni tecniche per recuperar la posta?

Comitato Nazionale Tutela Utenti Elitel novembre 22, 2007 alle 14:17

Sono Sergio Sambi. Ringrazio quanti hanno già chiamato per informazioni il numero verde.
Ho attivato ora una casella di posta elettronica provvisoria:

aec.delegazioneitaliana@gmail.com

chiunque volesse ricevere assistenza o unirsi alla Class Action che andiamo ad intraprendere, assistiti dal pool di avvocati coordinato dall’Avv. Luca Ponti di Udine, può utilizzare questo indirizzo in attesa dello sperato ripristino da parte di Elitel di quello normalmente utilizzato, info@aec-delegazioneitaliana.it o dell’inevitabile conseguente trasferimento del dominio ad altro operatore in caso di mancato servizio superiore alle 24 ore.
Per il momento le uniche frammentarie notizie ricevute parlano di un guasto tecnico. Ci auguriamo che tale sia. Attendiamo gli sviluppi.

In ogni caso siamo a disposizione per aiuti e consigli. Rammento che la A.E.C. – Delegazione Italiana è una organizzazione di volontariato e di promozione sociale che si stà espandendo dal FVG al resto dell’Italia. Sono gradite le collaborazioni e le adesioni volontarie da parte di tutti.
Cordialità.
Sergio

Ferd novembre 22, 2007 alle 14:27

“Per il momento le uniche frammentarie notizie ricevute parlano di un guasto tecnico. Ci auguriamo che tale sia. Attendiamo gli sviluppi”.

E’ la stessa risposta che Elitel forniva nella prima settimana di luglio, quando gli utenti come me le chiedevano perché le linee erano interrotte. A me questa cosa puzza tantissimo di bruciato.

Marco novembre 22, 2007 alle 15:10

Riporto il mio msg postato sullo “storico” di Elitel

2383. Marco – 22 Novembre 2007
A quanto pare era veramente un problema tecnico.
Comunque continuo con il passaggio di MNT!

Sergio Sambi novembre 22, 2007 alle 15:26

confermo la ripresa del funzionamento del servizio di posta elettronica.

Teniamo monitorata la situazione e avviamo anche per quanti ritengano di essere stati daneggiati una azione collettiva.

per informazioni vedi post precedenti.
Cordialità.
Sergio Sambi

Anonimo novembre 23, 2007 alle 11:19

scusatemi…ma non vi conviene cambiare operatore e mandarci a quel paese, se pensate che non paga più i propi dipendenti, tanto che dobbiamo fare un decreto ingiuntivo per TFR e Stipendi non pagati di ottobre, secondo voi quale assistenza vi potrà mai fornire una azienda allo sbando, Vive la Vie che vi sta prendendo in consegna non vi gestisce perchè non ne è capace visto che si poggia verso altri operatori che a loro volta si poggiano su Telecom. Ma cambiate operatore e andate altrove non si può lavorare con chi non è affidabile, Vive la vie sempre Elitel è come si dice se non è zuppa è pan bagnato….ma secondo voi come si fa a dare offerte al risparmio? semplice non investendo sull’assistenza.
Ma speriamo che finisca al più presto sto calvario e i dipendenti come me possano riuscire a campare almeno con un sussidio di disoccupazione più di 400 euro al mese che ci passa questa spregevole persona che corrisponde all’ AD di Elitel nonchè Vive La vie.

Anonimo novembre 23, 2007 alle 11:22

scusatemi…ma non vi conviene cambiare operatore e mandarci a quel paese, se pensate che non paga più i propri dipendenti, tanto che dobbiamo fare un decreto ingiuntivo per TFR e Stipendi non pagati di ottobre, secondo voi quale assistenza vi potrà mai fornire una azienda allo sbando?, Vive la Vie che vi sta prendendo in consegna non vi gestisce perchè non ne è capace visto che si poggia verso altri operatori che a loro volta si poggiano su Telecom. Ma cambiate operatore e andate altrove non si può lavorare con chi non è affidabile, Vive la vie sempre Elitel è ,come si dice se non è zuppa è pan bagnato….ma secondo voi… come si fa a dare offerte al risparmio? semplice non investendo sull’assistenza.
Ma speriamo che finisca al più presto sto calvario e i dipendenti come me possano riuscire a campare almeno con un sussidio di disoccupazione più di 400 euro al mese che ci passa questa spregevole persona che corrisponde all’ AD di Elitel nonchè Vive La vie.

Anonimo novembre 23, 2007 alle 11:38

Nella giornata di ieri l’azienda ha comunicato alle OO.SS., agli rsu e rsa
l’apertura della procedura per la cessione di ramo d’azienda tra le società
telework s.r.l., Elitel S.r.l. e OneCall S.r.l. ai sensi dell’art. 2112 c.c.
e dell’art. 47 L. 29 dicembre 1990, n. 428 e successive modifiche.

Il testo recita:
In data 2 agosto 2007 si era proceduto al conferimento dei rami di azienda
di Elitel e OneCall in Telework affinché quest’ultima potesse raggiungere i
requisiti occupazionali oggettivi e soggettivi per l’ammissione
all’amministrazione straordinaria, così come regolata ai sensi del D. Lgs.
N. 270/99.

Non avendo Telework successivamente proceduto in tal senso, si intende
procedere al trasferimento dei rami di azienda già conferiti per permettere
ai lavoratori che già precedentemente prestavano la propria attività in
favore di Elitel e di OneCall di ritornare presso tale datore di lavoro.

Il passaggio riguarderà 128 lavoratori di Telework di cui 100 saranno
trasferiti in Elitel e 28 in OneCalled avverrà in conformità a quanto
disposto dall’art. 2112 c.c. e, pertanto, i dipendenti continueranno il
proprio rapporto di lavoro con Elitel e OneCall senza soluzione di
continuità.

Ai dipendenti interessati dal trasferimento continuerà ad essere applicato
il contratto collettivo che attualmente regola i loro rapporti di lavoro,
ovverosia il Contratto Nazionale di Lavoro per gli Addetti all’Industria
Metalmeccanica Privata e di Installazione di Impianti del 7 maggio 2003 per
i dipendenti trasferiti in Elitel ed il Contratto Collettivo Nazionale di
Lavoro per aziende Commerciali del 2 luglio 2004, per i dipendenti
trasferiti in OneCall.

I predetti dipendenti conserveranno l’anzianità maturata ed il corrente
livello retributivo nonché tutti gli altri diritti che abbiano acquisito
durante il periodo lavorato presso la Cedente.

*****************************

Già a partire dalla prossima settimana dovrebbe tenersi l’incontro tra
l’azienda e le OO.SS., rsu e rsa per l’esame congiunto della programmata
cessione di ramo d’azienda, così come previsto dalla procedura stessa.

Buona giornata a tutti

Anonimo novembre 23, 2007 alle 11:38

non nasce nulla di nuovo

>>>Operatrice vera novembre 23, 2007 alle 19:12

PER CHIAREZZA E PER TUTTI COMPRESO LONGO. IL GUASTO perchè di guasto si deve parlare E’ DURATO ESATTAMENTE 6 ORE E NON DI 16 VISTO CHE I PRIMI SERVIZI HANNO RIPRESO ALLE ORE 14.
GUASTI CHE QUALUNQUE OPERARORE SUL MERCATO HA O SUBISCE PER EFFETTI DIVERSI. COMUNQUE LE ATTIVITA’ PROSEGUONO REGOALRMENTE CON IL MANTENIMENTO E L’INCREMENTO DEI SERVIZI ED ANCHE CON L’ACQUISIZIONE DI CLIENTELA NUOVA.
PER IL RESTO CONTINUO A VEDERE I SOLITI SCIACALLI CHE SI BUTTANO SULLA PREDA VISTO CHE ALTRI L’HANNO FERITA ORA LORO CI VOGLIONO FARE IL PASTO. OCCHIO ! SCIACALLI PERCHE’ LE MIGLIAIA DI PERSONE CHE SIAMO E CHE LAVORIAMO NEL GRUPPO FACCIAMO SQUADRA COMPATTA A DIFESA DELLA NOSTRA DIGNITA’ DI LAVORATORI E DEL NOSTRO POSTO DI LAVORO ESSENDO STUFI DI ESSERE TRATTATI COME LAVORATORI DI SECONDO LIVELLO. BASTA !

alex novembre 23, 2007 alle 19:17

Verametne tra i commenti c’è qualcunoche si lamenta perché già dalle 20 della sera prima aveva disservizi

Sergio Sambi novembre 24, 2007 alle 2:18

ultime notizie di aggiornamento:

da fonti solitamente ben informate, ci viene segnalata la possibile vera motivazione del recente “blocco” : una Ditta che fornisce i portanti trasmissivi in fibra ottica ha sospeso il servizio alla Elitel per motivo “Tecnico” Amministrativo. No comment.

decine di segnalazioni ci sono giunte per invio fatture da parte di altra azienda per conto di Elitel, anche a utenti che hanno dato regolare disdetta.

Quanti si trovino in questa situazione ci contattino. forniremo le prime indicazioni per tutelarsi.

cordialità.
Sergio Sambi
Comitato Nazionale Tutela Utenti Elitel

Sequestrato da Elitel ..ViveLaVie e compagnia bella novembre 24, 2007 alle 3:57

COSA C’E’ SOTTO? COME E’ POSSIBILE TUTTO CIO’??
COME MAI I MEDIA NON SI OCCUPANO DEL CASO?

4. Ilfas S.r.l. – 22 Novembre 2007

A proposito: eravamo clienti Elitel, siamo tornati a Telecom Italia ma improvvisamente – dopo qualche mese – ci giunge comunicazione da Telecom Italia dell’attivazione del servizio di preselezione automatica con tale Uno Communications S.p.A., servizio da noi mai richiesto! Uno Communications ci segnala che la società responsabile degli ordinativi delle CPS è la Plexia S.p.A.; quest’ultima ci rimanda alla Vive La Vie S.p.A…. società che mi risulta strettamente collegata ad Elitel… o sbaglio?
Cosa c’è sotto? Com’è stato possibile tutto ciò?

Sequestrato da Elitel ..ViveLaVie e compagnia bella novembre 24, 2007 alle 18:30

22. Giovanni Garofalo scrive:
“……Il rispetto lo godono quanti hanno avuto il coraggio di denunciare la situazione e chiedere il commissariamento visto che NESSUNO a partire da aprile 2003 non è stato in grado di fare quanto promesso. ”

BEN DETTO!!!

Mr. Spock novembre 24, 2007 alle 23:03

C’era una volta Elitel, poi divenne Telework insieme a OneCall, ora torna ad essere Elitel e OneCall torna ad essere OneCall. Telework cosa diventerà Vive la Vie?

ex dipendente novembre 26, 2007 alle 9:28

21. >>>Operatrice vera – 24 Novembre 2007
“…perchè sappiamo che qui oggi si rispettano le regole…”: ma di quali regole stai parlando?
Buoni pasto non corrisposti.
Paghe ridotte ad un quarto e pagate con ritardi mostruosi.
Spese di trasferte mai rimborsate.
Posizioni INPS non regolarizzate.
TFR ancora da pagare dopo svariati mesi dalle dimissioni.
CIG usata in modo fraudolento per diminuire il personale(praticamente una mobilità a costo zero).
Fornitori mai pagati (come per il recente “guasto”).
Affitti non pagati: quante sedi sono a posto coi pagamenti?
Contratti fantasma con “clienti” ignari o che hanno dato disdetta mesi or sono.
Basta così o vado avanti?
…quando hai due minuti, parlami ancora delle regole….

Anonimo novembre 26, 2007 alle 11:20

basta coglionate, il guatso dipende dal fatto che si ha un debito con la ditta fornitrice di servizi che non paghiamo da 1 anno, e ci hanno staccato come consueto.
Abbiamo pagato una arte e ci hanno riportato su le linee.
ora mi spegate perche non cambiare operatore???
Per chi difende questa azienda ELITEL….oltre all’elenco citato sopra, si aggiunga che se tornate one call le stabilizzazioni si fermano ciccia, e One call sparisce perchè dei 28 che sposta un se ne fa nulla altrimenti li avrebbe lasciati in Telework e non li avrebbe rispostati per aprire la mobilità e la Cassa, ha già Tlework, sveglai che Babbo natale quest’anno è in Brasile.

Anonimo novembre 26, 2007 alle 11:21

tra poco si fermeranno i servizi di circa 50 clienti per palmanova e roma

Anonimo Veneziano novembre 26, 2007 alle 18:29

Carissimi, Dipendenti, Ex dipendenti e infine Clienti,

Chi scrive è un ex dipendente che da settembre non fa più parte del carrozzone Elitel , quindi a mente fredda si può permettere di fare un’ analisi su quanto accaduto ad un’azienda che poteva sicuramente essere salvata e magari, col tempo, avrebbe potuto portare anche degli utili.
Ma questo all’attuale proprietà non interessa e forse neanche a quella precedente, ben che meno ai sindacati, che come sciacalli si sono tuffati in mazzo alla disperazione della gente per strappare magari qualche tessera in più.
Del resto in Italia è sempre così alla fine non paga nessuno, sono tutti innocenti.

Ad ogni modo il messaggio che voglio dare ai clienti Elitel alla luce degli ultimi avvenimenti è di trovarsi un altro operatore, dubito fortemente che Elitel Possa andare avanti ancora molto.
Quindi se non volete essere nuovamente vittime dei giochi di potere di qualche imprenditore che crede di essere SILVIO , ma che poi si nasconde dietro un non è colpa mia, io non sapevo niente, o dietro qualche gonna di qualche signora, che a spada tratta continua a difendere una persona che non sa neanche la differenza tra un profumo e una ADSL.
A persone come fata dovrebbe essere vietato fare l’ imprenditore.

Per Voi miei ex colleghi come più volte avevo consigliato agite, bloccate l’azienda, fatevi sentire, oggi di elitel chi si ricorda…

Anonimo novembre 28, 2007 alle 13:46

A basso Vive la Vie

Anonimo novembre 29, 2007 alle 13:46

e’ troppo facile attuare una strategia da grande imprenditore per evitare il fallimento della propria azienducola per poi responsabilizzare i lavoratori riguardo a cose di cui non devono e non sono responsabili.Se Fata coglione e’ incapace il problema e’ suo non ci devono rimettere gli altri!!!!Senno’ vada a giocare a Monopoli

Anonimo novembre 30, 2007 alle 10:16

Quei filmati di youtube sono meglio di una puntata di Zelig !!!!! Che tristezza infinita ! Io c’ero a quella riunione e vedere a distanza di mesi la situazione di Elitel,mi lascia veramente senza parole…

Vigilate! dicembre 1, 2007 alle 18:36

Bene (…) doveva succedere ed è successo:
- luglio 2007 non è possibile telefonare (ho la preselezione con Elitel): con una rapida ricerca su internet (e proprio grazie a questo blog) mi accorgo del patatrac Elitel. Risolvo tutto in pochi giorni: antepongo alle chiamate il 1033 e nel contempo, seguendo le istruzioni Telecom faxo a Telecom la disdetta del servizio di preselezione con Elitel. In pochi giorni viene disabilitata. Contemporaneamente in banca revoco l’ordine di addebito automatico.
- setetmbre 2007 (non ricordo la data): squilla il telefono e un messaggio registrato avverte che Elitel stava riallacciando qualcosa…chi ha ascoltato il messaggio e me lo ha riferito non ha capito bene il senso…ma ho capito io: cosicchè monitoro costantemente la linea con l’apposito numero verde 800-254232 e no: sto sempre con Telecom Italia, per fortuna
26-11-2007 ore 8,00: tentando di telefonare un messaggio registrato avverte “Uno Communicatios. Per telefonare è necessario un apposito contratto. Telefonare al 0183-57000. Telefono e dico loro “chi siete? chi vi conosce?”. E questi mi rispondono che come (ex) utente Elitel essi hanno avuto mandato da Elitel di prestare servizi tecnici. Essi (Uno communication) non possono fare niente.
- telefono a Telecom e spiego la situazione: mi dicono di rimandare il fax con la disdetta del servizio di preselezione. Si raccomandano con me di compilare molto bene il modulo sennò Elitel/Uno rifiuta di adempiere. Chiedo come mi devo comportare circa la domanda “contratto stipulato il…..” giacchè io non ho stipulato alcun contratto con Uno. L’addetto Telecom mi risponde più o meno di arrangiarmi. Devo chiamare Uno per farmi dire quando io (non) ho stipulato il contratto, in modo da poterlo scrivere sul modulo Telecom. Mi sembra di stare in una novella di Kafka.
- scrivo a Uno e a Elitel, diffidando entrambi, e ora sono in attesa della risposta.
- nel frattempo ho ripreso a telefonare con il 1033, ma di tanto in tanto ci si dimentica di mettere il prefisso… e con mia sorpresa la chiamata passa lo stesso (non c’è più il messaggio Unoche mi invita a chiamarli). Sono proprio curioso di vedere se mi arriverà una fattura di Uno o di Elitel…mi farò due risate….oltre che denunciare qualcuno

Meditate gente meditate…e vigilate!

Renee dicembre 3, 2007 alle 13:11

La cosa ha del comico…Credo di aver preannunciato forse da settembre come sarebbe andata a finire e sono stato preso a male parole dalla operatrice che non è operatrice ma responsabile ( delle mie bisacce rotte) e dal testa di minchia di bisio che faceva le sue analisi del cazzo ( quando ci vuole ci vuole), avevo detto che i fornitori che avevano sopperito prima o poi avrebbero voluto essere pagati…

Anonimo Veneziano dicembre 3, 2007 alle 17:47

Signori,

Siamo in italia, non c’è da stupirci……

Il personaggio GF già noto a telecom per vari pacchi tirati in passato, ha attuato semplicemente la sua strategia, prendi i soldi e scappa.

Scusate ma un’azienda con più di 200 persone assunte, e non so quanti clienti, presente sul mercato da anni, sicuramente fortemente indebitata, ma una cassa c’era, dei clienti cerano….

e oggi…. Casse Vuote, pochi clienti, poco personale……..

quindi dov’ è Grillo, il Gabibbo, e tutti i paladini della giustizia, quante famiglie ancora dovranno pagare per l’arroganza di qualche sconsiderato personaggio, che gioca a fare l’ imprenditore sulle spalle di :
Clienti , Dipendenti, Fornitori.
Chi ci tutela?

Ma Grillo si fa vivo solo con telecom Italia?
Non si chiede come mai ci sono società telefoniche venute su come funghi dal nulla e che con gesti sconsiderati ne acquistano di altre per poi metterle in liquidazione dopo avrle svuotate?
E di grapes nessuno ne parla, di edison tel ? comprata dai landi, svuotata e incorporatae in ultimo smembrata con deportazioni di massa….

pensate riflettete, e spargete la voce……….

Architetto & Friends dicembre 3, 2007 alle 19:37

Giusta osservazione Anonimo Veneziano.

In questo momento qualsiasi segnalazione non anonima e comprovata da fatti, misfatti e rifatti, è ben accetta.

Consiglio a tutti quelli che sanno davvero le cose, di inviare e proprie segnalazioni alla Guardia di Finanza e più precisamente alla Compagnia di Sesto San Giovanni, Via Acciaierie 18, interno 20

Il modulo per gli esposti è questo:

http://www.gdf.it/repository/ContentManagement/node/N739082290/modulo_esposto.pdf

Per le segnalazioni più importanti è preferibile prendere un appuntamento, chiamando il numero 02-22470037

Nessuna segnalazione che sia seria e che abbia dei riscontri, verrà scartata, soprattutto i clienti Vive la vie, i fornitori non pagati, la stessa Telecom Italia, gli ex dipendenti, dovrebbero dire ciò che sanno, prima che le persone di cui tutti sappiamo, riescano a cavarsela.

Non ci sono disegni di legge tali da fermare persone come queste, solo le persone possono farlo, con l’aiuto delle persone giust, vi ascolteranno, altro che Gabibbo e Grillo, loro due, da soli, non bastano.

Non abbiate paura di dire tutto quello che il personaggio vi ha fatto, ormai è sulla via del tramonto.

Bisio dicembre 3, 2007 alle 19:37

Per 41 Renne
In primo luogo non ricordo di averti mai preso a male parole, anche perché non fa parte delle mie abitudini. Le mie analisi non hanno mai preteso il crisma della verità, ma sono sempre state presentate come ipotesi da verificare alla luce degli sviluppi futuri. Comunque non credo che i guai di Elitel dipendano da esse e quindi non capisco il motivo di tanta acredine.
In secondo luogo non mi risulta che offese e maledizioni abbiano mai cambiato il corso della storia, ma se questa fosse la tua ambizione ti ricordo la lumaca di Trilussa:

La Lumachella de la Vanagloria,
ch’era strisciata sopra un obbelisco,
guardò la bava e disse: – Già capisco
che lascerò un’impronta ne la Storia.

Quanto alle teste… lascia perdere. In giro ce ne sono di così tanti tipi, che non sarebbe difficile trovare anche quello giusto per te.

Architetto dicembre 3, 2007 alle 19:40

E la mosca cocchiera dove la metti?

inquirere dicembre 4, 2007 alle 1:30
Bisio dicembre 4, 2007 alle 1:44

Probabilmente in questo blog siamo tutti mosche cocchiere. Prima o poi arriverà il colpo di coda che ci metterà tutti a tacere. E la carrozza continuerà ad andare dove vorrà. Ma questo non è un buon motivo per pizzicarci tra di noi.

Robin Hood dicembre 4, 2007 alle 9:52

Lungo la strada per il Castello, i briganti sono nascosti nella foresta, per impedir che ciò accada.

“La penna è più potente della spada, e decisamente più comoda per scrivere..”

Giovanni Garofalo dicembre 4, 2007 alle 10:00

Architetto & Friends, post 43: ONORE AL MERITO!
Hai fatto bene a postare il modulo, così si spera davvero di non far la fine delle mosche. Anche perchè questo insetto parecchio fastidioso è dapprima larva, ma lo diventa dopo. Mai vista una metamorfosi inversa. Mai vista una situazione peggiore di questa!
Ieri hanno condannato la moglie di Dini per un “bucho” da 20milioni di euri. Mò questo rintronato che ha acquistato a dir suo la responsabilità di 120milioni, che fine farà? :D D
Mi sa che il suo “bucho” non gli basterà. La GdF farà una bella collezioni di “buchi” ed è quello che sto attendendo fiducioso.
In merito ai dissidi fra noi, cercate di capire che l’acredine e la tensione derivano dal fatto che l’incertezza è davvero una brutta bestia. Intanto il contatore dei danni aumenta….ma si compenserà con le fatture non corrisposte. Almeno questo mi soddisfa.

Renee dicembre 4, 2007 alle 16:37

e intanto l’operatrice anonima vera latita….

carmen p. dicembre 4, 2007 alle 18:25

secondo me non leggi tutto
ex operatrice anonima vera

carmen p. dicembre 5, 2007 alle 22:37

Ehm, mi sa che siete vittima di un equivoco, carmen p o operatrice aninima vera sono io, e sono nel call center, operatrice e basta e vi farei vedere le mie buste paga, raggiungo a mala pena gli 800 euro al mese, lavorando tutti i giorni 8 ore, quindi state confondendo me e operatrice vera che deve essere colei che percepisce i 4000 euro, adesso mi avete rotto le scatole, mi avete dato della stronza più altre piacevolezze, ma veramente non sapete leggere i nomi in testa ai post? ecchepalle, veramente con tutti i problemi che abbiamo devo difendermi qui oltre che al telefono da parolacce solo perchè non fate attenzione a quello che c’è scritto e ai toni dei post che non sono certo i miei!

Anonimo dicembre 6, 2007 alle 9:18

stiamo parlando di Ornella Longhi e non di te

Sergio Sambi - Comitato Nazionale Tutela Utenti Elitel dicembre 6, 2007 alle 13:18

Ho ricevuto diverse segnalazioni da parte di dipendenti ed ex-dipendenti Elitel che chiedono sostegno.

Confermo a tutti la nostra massima collaborazione e l’impegno per cercare soluzioni che non rimangano vuote parole senza seguito.

In un intervento precedente si citano le Aziende che hanno dato vita alla Elitel. Non bisogna dimenticarsi che quelle iniziali, tipo Adriacom, sono nate come Compagnie Regionali, sovvenzionate ed alimentate dalle Risorse Economiche Pubbliche. Consideriamo che sono passati pochi anni e la possibile prescrizione per eventuali coinvolgimenti, o responsabilità che dovessero emergere da parte di Amministratori locali, può essere rilevabile da una indagine.
Iniziamo in questi giorni ad inviare a quanti ne facciano richiesta la modulistica per tutelare la propria posizione nei confronti della Elitel.
Di fronte a riattivazioni non autorizzate ed alla prosecuzione di danni inflitti dall’azienda a carico dei propri Clienti, sarà avvata una vera e propria Class Action.
Invito pertanto chi desidera unirsi alla nostra azione di contattarmi; nei precedenti post ho lasciato i recapiti.

Non lasciamo nulla di intentato, a difesa dei Clienti, siano questo privati o business (siamo la prima Associazione che tutela entrambe) e naturalmente dei dipendenti o ex-dipendenti.
Cordialità.
Sergio Sambi

Rosa Schiavello dicembre 19, 2007 alle 11:59

Oggi, nuovo malfunzionamento Elitel/flashnet. Non si accede né al sito né all’account mail. Senza preavviso o comunicazione. Che dire…

Renee dicembre 20, 2007 alle 12:53

scusa Rosa ma a questo punto la risposta sorge spontanea…. ma che cazzo stai ancora a fare con Elitel/flashnet???? scusa ma te la sei cercata…

Renee dicembre 21, 2007 alle 15:13

1022 Tele2 Italia S.p.A
1023 Assinvest Telecom International S.p.A.
1024 U – Compagnia Italiana di Telecomunicazioni
1025 Risorsa non utilizzabile
1027 In Latenza fino al 02-08-2008
1028 Risorsa non utilizzabile
1033 Telecom Italia S.p.A.
1034 Tiscali S.p.A.
1038 Telecom Italia S.p.A. – TIM
1044 TU Telecomunicazioni S.p.A.
1046 Risorsa non utilizzabile
1052 Verizon S.p.A.
1054 Vodafone Omnitel S.p.A.
1055 Wind Telecomunicazioni S.p.A.
1064 Digitel Italia S.R.L..
1068 BT Italia S.p.A.
1075 International Last Mile S.p.A.
1077 BT Italia S.p.A.
1078 Primus Telecommunications S.R.L..
1082 Risorsa non utilizzabile
1085 In Latenza fino al 02-08-2008
1088 Wind Telecomunicazioni S.p.A.
10020 ICN Italia S.p.A.
10021 In Latenza fino al 25-10-2008
10022 ICN Italia S.p.A.
10025 Elinet S.p.A.
10026 In Latenza fino al 24-07-2008
10027 STT Società Trasporto Telematico S.p.A.
10030 Tiscali S.p.A.
10031 In Latenza fino al 02-08-2008
10036 Karupa S.p.A.
10037 Acantho S.p.A.
10038 Decatel S.R.L..
10040 Eutelia S.p.A.
10042 OKcom S.p.A.
10043 Albacom.Amps Telecomunicazioni S.p.A.
10044 Cable & Wireless S.p.A.
10045 Welcome Italia S.p.A.
10047 Fly Net S.R.L..
10050 Rawal Telecom Srl
10060 In Latenza fino al 24-07-2008
10062 Eutelia S.p.A.
10066 Freeway S.r.l.
10070 GTS Italia S.R.L..
10072 In Latenza fino al 24-07-2008
10076 ETS European Telecommunication Sourcing S.R.L..
10077 Consorzio TERRECABLATE
10081 Vuelle Elettronica S.r.l.
10085 3U Telecom S.R.L.
10088 In Latenza fino al 20-02-2008
10089 Millecom Italia S.R.L..
10090 Colt Telecom S.p.A.
10099 Thunder S.p.A.
10120 Elinet S.p.A.
10121 Equant Italy S.p.A.
10122 Uno Communications S.p.A
10123 Quidex S.p.A.
10124 Brennercom S.p.A.
10130 BT Italia S.p.A.
10131 In Latenza fino al 04-05-2008
10132 Flytel S.R.L..
10133 Vive la Vie S.p.A.
10145 CSINFO S.p.A.
10147 Eutelia S.p.A.
10155 Sinergie S.R.L..
10160 In Latenza fino al 02-08-2008
10161 Energ.it S.p.A.
10164 Digitel S.R.L..
10166 Rete Italiana Assicurativa di TLC S.R.L..
10169 In Latenza fino al 02-08-2008
10170 In Latenza fino al 02-08-2008
10180 Teleunit S.R.L..
10181 Satcom S.p.A.
10187 King.com S.p.A.
10189 TAG Comunicazioni S.p.A.
10190 In Latenza fino al 25-01-2008
10191 In Latenza fino al 12-03-2008
10192 Fastweb S.p.A.
10193 Fastweb S.p.A.
10199 T-Systems Italia S.p.A.
10174 Consiagnet S.p.A.
10922 Elemedia S.p.A.
10930 Risorsa non utilizzabile
10933 Telecom Italia S.p.A.
10947 BT Italia S.p.A.
10961 System House S.R.L..
10963 Orobiacom S.p.A.
10964 Multilink S.R.L..
10966 Eurotel S.R.L..
10969 Intermatica S.r.l.
10977 Alpikom S.p.A.
10982 Risorsa non utilizzabile
10988 Foniacom S.p.A
10989 TWT S.p.A.

I commenti per questo articolo sono stati chiusi.

{ 13 trackback }

Articolo precedente:

Articolo successivo: