Troppe falsità sullo Skypephone

di alex il 11 novembre 2007

Sto continuando a usare lo Skypephone, ne ho parlato e recensito su tante testate ormai. E’ la cosa migliore ad oggi per usare Skype in mobilità, in Italia o nei Paesi coperti da rete 3.
Almeno finché non ci sarà un canone per usarlo. Poi, anche con un canone limitato a 3 euro al mese (per esempio) secondo me resterà il miglior strumento Skype mobile.
Soprattutto se 3 manterrà la promessa (vi osserviamo e ce ne ricordiamo! :) ) di migliorare la qualità della voce- da 3 mi dicono che la colpa è dell’instradamento in VoIP.
La mia prova certo non ha rilievo statistico. Avrei dovuto usare il cellulare in diverse città italiane, centiania di volte con altrettante persone diverse… ma questo vale per qualsiasi recensione che non sia un dossier di 10 pagine (e chi lo fa?).
Però l’ho provato con cinque persone e con uno, grande esperto di VoIP , ho fatto tre prove di telefonate.
1)Una da cellulare a cellulare. Qualità come siamo abituati, inferiore a rete fissa
2)Una Skype via Adsl/WiFi con Nokia N800 al suo Skype da computer. Qualità eccelsa, crystal clear, eccetera.
3)Alcune altre- a parità di condizioni come sopra- da Skypephone a suo Skype. Erano quelle con qualità peggiore, voce ovattata e gracchiante (a volte, cioè circa una volta ogni 30 secondi o un minuto). Magari in altre città, dove la rete 3 è forse più efficiente, non ci sono questi prolemi o sono ridotti… non lo so. Provatelo voi e scrivetelo nei commenti.

Ciò detto, leggo purtroppo un giro di disinformazione sulle caratteristiche contrattuali dello skypephone. Il tutto aggravato da accuse ai giornalisti, di essere venduti a 3. E purtroppo ci casa anche Sofri, forse per frettolosità .
Chi mi legge sa che sono tutt’altro che corporativista. E che quando un operatore fa una cazzata sono spesso il primo o tra i primi a scriverla.
Però in questo caso i blogger hanno dato il peggio di sè.
3 ha sbagliato in una cosa, in fatto di comunicazione: non ha pensato che dopo l’annuncio dello skypephone tutti si sarebbero gettati a vedere il sito, dove però c’era solo l’offerta in comodato.
Forse avrebbe potutto, inoltre, fin dal giorno stesso dell’annuncio, pubblicare le caratteristiche complete e dettagliate dell’offerta, magari con Q&A…ma le 10 ore sono di presence online? No, solo di chiamate in uscita da Skype e così via.
Ormai gli operatori devono tenere conto della blogosfera, dove la gente scrive leggendo sul sito (a volte nemmeno quello, purtroppo) e non verifica con l’ufficio stampa. E quindi bisogna essere ultra precisi.
Anche io mi sono sorpreso a leggere nel sito solo l’offerta in comodato e per chiarimenti, prima di scrivere, ho sentito l’ufficio stampa di 3.
Perché non fanno così anche i blogger? Un po’ di coraggio e via, non vi mangiano quelli dell’ufficio stampa.

{ 27 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

Luca Sartoni novembre 11, 2007 alle 13:45

semplice, i blogger si sentono paladini della rete. E danno il peggio di loro ogni volta che possono.

Replica

Stefano Quintarelli novembre 11, 2007 alle 14:06

Semplice, i blogger non sono giornalisti, a consumatori. E scrivono le loro sensazioni.
E se si sentono fregati, lo scrivono (nel caso di specie io ho scritto che non si tratta di truffa, al massimo di negligenza).
Ora, quando avevo nelle mie responsabilita’ la parte commerciale del gruppo I.NET, dicevo sempre a commerciali delle varie aziende che la realta’ non e’ cio’ che noi pensiamo o scriviamo nei contratti, ma cio’ che il cliente pensa di aver capito. Null’altro conta. Il cliente ha sempre ragione.
La sensazione che ci sia una fregatura dietro lo skypephone gli utenti la hanno avuta, ne abbiamo una dimostrazione.
Quindi H3G ha sbagliato, magari le cose che pensa la gente sono errate, ma H3G ha sbagliato non riuscendo a mettere nella testa delle persone le informazioni giuste…

Replica

studentefreelance novembre 11, 2007 alle 14:11

Concordo con Stefano!

Replica

aghost novembre 11, 2007 alle 14:29

alessandro non sono per nulla d’accordo. Minciotti ha scitto da consumatore, da blogger, da quel che ti pare, ma non da giornalista. O vogliamo sostenere che i consumatori, quando un’offerta dei gestori non è chiara (cioè quasi sempre) dovrebbero interpellare l’ufficio stampa??? Ma non esiste!

TUTTE le informazioni su qualsiasi contratto devono essere chiare e comprensibili a tutti. Dico che neppure le info sul sito sono sufficienti, perché non si può pretendere uno abbia per forza internet per sapere le cose.

Il problema vero non è l’offerta di 3 di Skypephone ma tutto il sistema tariffario proposto dai gestori che è ormai un puttanaio inestricabile in cui nessuno capisce più niente (talvolta neppure i gestori stessi).

Replica

Giusva Iannitelli novembre 11, 2007 alle 14:58

La storia è stata gestita male da entrambi, io credo: 3 Ita non ha fatto una vera pagina di presentazione, ma solo questo
http://negozio.tre.it/scheda_prodotto.php?reset=no&p=381

dove una persona che legge parte già (un esempietto) da stranezze come “19€ e te lo porti a casa” e sotto un elenco di offerte dove si può scegliere tra 0€ e 24€; dal lato blogger/giornalista è da dare atto che si siano viste spade di damocle nei confronti di un prodotto in vendita (a volte non giustificate, altre volte sì), ma sono sotto gli occhi di tutti anche i post/articoli apparentemente “veicolati”.

In ogni caso, mi preme intervenire solo su “leggo purtroppo un giro di disinformazione sulle caratteristiche contrattuali dello skypephone”: il mio punto di vista è che nel momento in cui manchi una totale chiarezza verso l’utente medio (o, come dice Quintarelli, ci sia la “sensazione”), non si possa pianger se appaiono articoli di quella natura.

Riguardo la teoria di contattare l’ufficio stampa… è una sciocchezza. Come sai (mi hai citato su Repubblica) scrivo su mobileblog, parte di una testata del gruppo Dada/RCS e posso darti la MIA esperienza diretta. Più volte ho richiesto contatti per avere risposte su argomenti di ogni genere (l’ultimo esempio è la rimodulazione sul credito): Max mi ha sempre risposto dandomi il SUO punto di vista *personale*, mentre tutte le richieste inviate all’ufficio stampa restano ancora in attesa di risposte.
E se l’hanno fatto con me (che posso dire “Almeno scrivo per un giornale”), perché non dovrebbero farlo anche con “decine o centinaia di clienti/blogger dubbiosi” che non hanno credenziali per avere accesso a quell’ufficio (che non si chiama “stampa” per niente)?

Da qui la teoria che il canale/i canali scelti dall’autore di quel post, a tuo avviso “disinformato”, sono nella realtà dei fatti quelli a cui potrebbero accedere comunemente tutti i clienti; i canali che scegli tu restano invece accessibili.

Replica

Alessandro novembre 11, 2007 alle 15:25

Alex, colpevolizzare i blogger non ha senso… Sono degli utenti che esprimono dei pareri, dei giudizi, delle esperienze. Semmai bisogna prendersela con 3 e con tutti gli operatori mobili, i quali lanciano campagne pubblicitarie su offerte commerciali poco chiare, se non truffaldine, contribuendo a generare disinformazione e quant’altro.

Replica

alex novembre 11, 2007 alle 15:41

Scrivere le proprie sensazioni va benissimo. Ma non è quello che è avvenuto qui. Sono state date notizie false, riprese e rimbalzate da blog a blog, facendo cattivo servizio agli stessi consumatori.
C’è una responsabilità nella scrittura di fatti.
Questo non è un post che contrappone blogger a giornalisti, perché anche questi ultimi scrivono a volte cose inesatte, per fretta o cialtronaggine.
Ho giudicato il post come avrei giudicato un articolo: non per la sua forma, collocamento, o per l’autore, ma per i suoi contenuti. Che sono d’informazione, fanno informazione, e come tali vanno trattati. Qui non è l’opinione di un consumatore che ha provato un prodotto e ne scrive. Ma è a tutti gli effetti un contenuto infromativo.

Replica

Alessandro novembre 11, 2007 alle 16:37

Quali sono le notizie *false*?

Replica

Francesco Minciotti novembre 11, 2007 alle 16:47

Alessandro, permettimi di puntualizzare un paio di cose, perché mi sono sentito tirato in ballo. Di là, sul mio blog, il clima è molto più violento — mio malgrado — nei commenti, ed è difficile discutere pacatamente.
Io credo che, in questo tuo articolo, abbia dato troppo poco peso alle cose vere che ho riportato, accentuando quelle errate (marginali, peraltro), che ho già corretto.

1. La telefonata con la tipa di 3 non viene manco citata, mentre a mio avviso è iper-significativa di come venga trattato il cliente: “firma e zitto”. Delle due l’una: o è vergognoso perché il pensiero della 3 è veramente così; o è vergognoso perché persone così incompetenti ricoprono incarichi delicati come quello di fornire assistenza ai rivenditori commerciali dei propri prodotti;

2. non si trovano contratti, sul sito (rectius: negozio) di 3. Solo quelli delle singole tariffe, generali per ogni telefono in comodato, e che non tengono conto delle rilevantissime peculiarità che questo telefono porta con sé. Anzi, «tenevano», perché è da ieri sera che sono stati tutti rimossi dal sito, e ancora adesso trovi un bell’errore 404 quando li vai ad aprire;

3. Proprio in assenza di contrattualistica giuridica, ci si trova a dover desumere le condizioni contrattuali dalle pubblicità — un abominio in sé —, che riportano solo le promozioni. Quid, per quanto riguarda la parte di rapporto contrattuale non coperta dalle promozioni (i due terzi della durata, mica poco!)?

Questi, in sintesi, i rilievi che ho mosso nel mio articolo, che non ha mai pretese d’essere giornalistico: ho solo avuto per le mani un’occasione non cercata di poter parlare con una persona con cui normalmente un utente non può parlare, e il sentirmi rispondere in quel modo mi ha scandalizzato. E ho ritenuto giusto divulgarlo.

Sarei felice di avere una tua risposta, tempo e voglia permettendo.

Buon lavoro.

Replica

alex novembre 11, 2007 alle 17:17

1)La telefonata è signficativa così come le tante che si imbattono in operatori 187 incompetenti. Non prova che 3 sia disonesta, come invece scrivi. Tu sei saltato a questa conclusione, equiparando le parole che hai sentito alla verità sullo skypephone. Non hai messo in conto che quella fosse un’incompetente (una persona passata di straforo da un negoziante…e di cui non è sicuro il titolo o ruolo in azienda).
Addetti incompetenti ci sono a tutti i livelli, in tutte le aziende

2) e 3)Le condizioin contrattuali relative al noleggio sono qui https://negozio.tre.it/checkout/checkout_1.php?id_rel_prod_piano=245, che appare quando cerchi di aderire.
le caratteristiche del servizio SKype sono invece qui http://negozio.tre.it/scheda_prodotto.php?reset=no&p=381.
Mi rendo conto che potrebbe essere una lacuna che le condizioni dell’offerta Skype non siano aggiunte nel contratto- credo debbano esserci anche lì. Ma la cosa va approfondita. Credo che quando ti attivano il servizio Skype ti fanno sottoscrivere qualcosa, no?

Riassumendo: se il tuo post avesse detto: l’offerta è poco trasparente perché nel sito non c’è un contratto per l’offerta Skype; e vedete che gente lavora in 3, ho fatto questa telefonata, eccetera, sarebbe stato inattaccabile.
E’ l’equazione le cose stanno così come me le ha dette la tipa=sono diverse da quelle affermate da 3 nella pubblicità=3 è disonesta che è quanto io chiamo “notizie false”. Ed è anche- te lo ricordo per tua prudenza futura- passibile di denuncia.

Replica

Filippo Ronco novembre 11, 2007 alle 17:21

Alessandro, va bene tutto. Ma su una cosa penso nessuno possa controbattere : io ho acquistato 2 skypephone di tre venerdì pomeriggio. Ad ora, ore 17,20 di domenica, sto ancora aspettando di poter fare il login. Ammesso e non concesso che ci riesca prima o poi, questa questione dell’attesa di 24/48 non solo è fasulla perché nel mio caso mi hanno detto che, “sa, è meglio aspettare almeno fino a lunedì…” ma è anche celata al momento della vendita.

Sono stato tra i primi credo a scrivere un post sullo skypephone e come puoi vedere i toni sono assolutamente entusiastici :
http://www.tigulliovino.it/blog/2007/10/buttate_via_i_vecchi_telefoni.html

il problema però è che adesso mi ritrovo con due telefoni che ho acquistato *esclusivamente* per il servizio così tanto pubblicizzato e che è l’unica cosa che concretamente non funziona (ad ora). Mi auguro domattina di poter scrivere quel lungo post di sostegno all’iniziativa che già da tempo avevo in mente ma sarà inevitabile, anche nell’ipotesi in cui tutto sia andato a posto, che tutta questa sequela di inconvenienti, impossibilità di accesso, attese varie, vengano segnalate adeguatamente a tutela dei lettori / consumatori.

Un caro saluto.

Filippo Ronco

Replica

Francesco Minciotti novembre 11, 2007 alle 17:27

1) Forse un po’ più di quella dell’omino 187, perché la tipa era un gradino più in alto (doveva “insegnare” a quelli che poi spiegano le offerte 3 all’utente finale), quindi mi pare un po’ più grave. D’altronde, hai ragione tu: una “mela marcia” non rende l’intero ramo da buttare (infatti la mia tesi della sostanziale confusione dell’offerta è data da una sinergia fra inconsistenza contrattuale e questa telefonata);

2 e 3) nel primo collegamento non ci sono condizioni contrattuali: l’unico PDF, in basso a destra, dal nome “Condizioni generali di contratto e regolamento…” non funziona, e comunque, pure quando — giorni fa (solo Cavazzini ci tiene a farmi passare per il blogger beppegrillesco che dà fiato alle trombe senza leggere i documenti ufficiali, e lui lavora in 3) — funzionava, lo controllai: non c’era niente che riguardasse lo Skypephone, ma esso era già in vendita! In punta di diritto, un’offerta al pubblico senza condizioni contrattuali non è manco legale.
Per me, «contratto» è qualcosa diviso in articoli, possibilmente lungo ed esauriente, dove sono disciplinati in dettaglio tutti i punti nodali di un rapporto fra venditore ed acquirente (durata contrattuale, costi di disattivazione per disdetta anticipata, ore di traffico disponibili), e non solo quattro righette “offerta da giorno A a giorno B”, magari sparse qui e lì su varie pagine dei loro siti, tale che l’utente che voglia informarsi debba fare i collage. E se questo non c’è, e tu già stai vendendo il tuo prodotto, sei poco serio — per me!

Che ne pensi?

Replica

alex novembre 11, 2007 alle 17:36

Se davvero confermato che manca il contratto per l’offerta delle 10 ore, è una lacuna persino troppo grossolana. Ma bisognerebbe verificare che 3 non te lo mandi e faccia sottoscrivere, magari direttamente su cellualre, quando attivi l’offerta Skype, la quale anche se tutt’uno con il cellulare comunque è giuridicamente un servizio, un po’ come il browser WWW o il canone dell’antivirus che acquisti online. Il cui contratto lo sottoscrivi sul pc quando lo scegli.

Replica

Francesco Minciotti novembre 11, 2007 alle 17:43

Sicché io prima compro il telefono sul sito, lo pago, poi mi arriva a casa e a quel punto leggo le condizioni contrattuali?
Mi pare che ci sia qualcosa che non va, in termini di trasparenza, se fosse così (e non lo so perché non ho uno Skypephone).
Gli antivirus e i browser sono software, li scarichi con un clic e senza fatica (non come un pacco, che devi aspettare un corriere, eccetera), e comunque per leggere le loro EULA puoi scaricare una versione dimostrativa e leggertela, e solo dopo metter mano al portafogli.

Alcuni m’han dipinto come un deficiente che non legge i contratti, quando sono anni che, da laureando in giurisprudenza che sono, faccio volontariato di assistenza legale a chi ha problemi con i contratti ADSL per le disdette, le penali e simili. Che mi sono spolmonato a fare, tutto ‘sto tempo, a dire che i contratti sono importantissimi?

E qui, manco li mettono!
Oh signore, come vorrei avere un contratto Skypephone per le mani: è diventato il mio sogno proibito.

Battute a parte — sdrammatizziamo un po’… — mi pare che ci sia qualche problema di comunicazione, sulle condizioni contrattuali.

Replica

Eros76 novembre 11, 2007 alle 17:57

Io voglio ricordare che 3 è quell’azienda che
1) ha rimodulato la tariffa dei clienti l’1/09/2007 non dando la possibilità di andar via trasferendo i crediti ad altro operatore
2) trasformato i crediti residui di più di 5000 clienti in credito a scadenza 31/12/2007 cambiando le carte in tavola di punto in bianco lo scorso 4 Ottobre modificando retroattivamente un contratto.

Non mi stupisce oramai più nulla, soprattutto il silenzio dei media su questi sorprusi nei confronti dei clienti tranne una disinformata parata di scudi fatta dallo stesso dott. Longo (http://www.repubblica.it/2007/09/sezioni/scienza_e_tecnologia/telefonini/autoricariche-tre/autoricariche-tre.html)

Lo Skyphone è, per me, già superato in partenza, che senso avrebbe fare addirittura un comodato senza che siano ancora chiari i termini dello stesso contratto? Se hai 3 è meglio… cominciare a pensare ad un’altra compagnia se non vuoi ritrovarti a fare delle cause per aver rispettato il contratto…

Replica

Andrea novembre 12, 2007 alle 8:55

Quotone per Quintarelli

Replica

giorgio novembre 13, 2007 alle 11:48

Posto che a mio parere un consumatore ha tutto il diritto, credo, di condividere un’esperienza e, anche, di trarne conclusioni, magari avventate o magari no, ma sacrosante per il suo ruolo, e posto che chiunque venga in contatto con tale punto di vista ha di nuovo il diritto sacrosanto di discuterne (e sin qui mi pare di aver detto solo cose banali, ma a volte…) credo che il tutto sia stato amplificato e che persista come un grande rumore di fondo su una vicenda dove, di nuovo a mio parere, il punto di vista più obiettivo è quello che ha espresso Stefano Quintarelli. Bene, poi, che da tutto ciò nasca una mole di informazioni maggiori su un servizio interessante. Meno bene che, invece di parlare strettamente del servizio, si continui a discutere se sia stato giusto-sbagliato-corretto-scorretto fare il consumatore. Casualmente un blogger. Come non è un merito, non comporta doveri.

Replica

Daniele novembre 23, 2007 alle 12:20

X Alessandro Longo. Dopo l’articolo che hai scritto su repubblica in favore di 3 sulla modifica del credito illimitato in bonus a scadenza dove la trovi la faccia tosta di definirti non corporativista?
Tu di professione fai pubblicità alla 3…..

Replica

astrid aprile 14, 2008 alle 6:23

trovato , dotato di ponte radio ,buio videosorveglianza cam su gru, tutti a spiare . Ma quanti siete?

Replica

astrid aprile 15, 2008 alle 14:19

Ch cosa è la mini onda ? Posizionato ulla parte alta del vostro pc c’è la numerazione F 1 FINO A F 12, agendo su bandiera 8 volte si inviano toni F1 , F 2 ecc.si compone una serie di impulsi e toni, a ciascuna numerazione corrisponde una minionda che fuoriesce dal vostro pc, attenzione, perchè una sola combinazione vi consente di non essere avvolti dall’onda, un abito di frequenze che finirete per indossare fino a saturarvi, il pulsante esc vi fa scire dallo spettro di frequenze , ma digitando 8 volte su bandierna e poi 1, 6 vi donerete una diversa difesa . Se vi accorgete uno o due mnuti dopo che l’onda che vi cirrconda è fastidiosa per voi mutate la numerazione oppure digitate esc.Fate sempre attenzione che nessuno muti la combinazione che vi siete sati.

Replica

astrid aprile 16, 2008 alle 5:13

levi la telecom le linee telefoniche ai, gli spammatori di fastweb

Replica

astrid aprile 16, 2008 alle 17:25

vi forniamo due serie di numerazioni, una per il nord bandierina 8 impulsi poi digitare su F4 o F5 e di seguito 4,7,0 8,6,0 ,e una per il sud F1 o F2 e di seguito 1,7,4,2,2,3, su windows vista non crea problemi.

Replica

astrid aprile 26, 2008 alle 13:01

tenete il monocanale per 10/15 minuti al massimo a secondo dello smog entro i vostri vani, tenete spenti i televisori, potete essere collegati o scollegati in rete. Dopo aver fatto la prima pulizia, per rimuovere lo smog occorrono solo 2 minuti al massimo per tenere nettati i vani.Non lasciate il monocanale inserito dopo l’uso , come spiegato sopra cancellatelo dal vostro pc.

Replica

dariogemello maggio 10, 2009 alle 17:56

Ciao ragazzi,
Più di un anno fa, in diversi blog ho commentato testato e reportato tutto ciò che riguarda lo skypephone raccontandone i pregi, i difetti e le impressioni, restando comunque soddisfattissimo dell’acquisto e forse, spingendo altri in questa chat a comprarlo.
Da un paio di mesi la situazione è cambiata.
Chiamare con Skype attraverso il cellulare è diventato alquanto difficile; per riuscire a prendere la linea ci sono volute due chiamate, poi tre, poi quattro… ora è diventata una cosa alquanto stressante.
Sono comunque rimasto soddisfattissimo di averlo comprato, mi ha fatto rismarmiare tantissimi soldini, ma ora non ne vale proprio più la pena.
Volevo dire solo questo.
Un saluto a tutti.

Replica

Giulia giugno 15, 2009 alle 21:00

Ha mai provato a farsi CURARE da uno bravo??
Scrive solo frasi sconnesse e senza senso!
Le consiglio veramente una bella visita dallo PSICHIATRA!!!

Replica

Giulia giugno 15, 2009 alle 23:46

@@@@@ APPELLO URGENTE PER TUTTI @@@@@@

Non date retta alle stronzate che scrive ASTRID perchè è una povera pazza…denunciata piu’ volte alle forze dell’ordine!!
Scrive frasi senza alcun senso logico e nominando INVANO persone che non c’entrano nulla con la sua pazzia.
Immagino che lo abbiate già capito da soli visto che nessuno le risponde… ;)

Un saluto a tutti….tranne che alla PAZZA (astrid)

GiuliA ^_^

Replica

vanna dicembre 13, 2009 alle 13:32

Stò cercando un’ altro SKYPE PHONE3
Ho già distrutto due di loro e ne ho ordinato uno in Inghilterra, il terzo. In Italia non si collega su Skype. E’ bloccato su 3Ireland e non passa a 3Ita per nessuna ragione.
I negozi 3 non li trattano più.
Secondo voi come si può fare per averne uno?

Replica

Lascia un commento

{ 9 trackback }

Articolo precedente:

Articolo successivo: