Anche Mediaset si è accorta del boom di internet

di alex il 2 ottobre 2006

Il presidente di Mediaset a Rai Tre ha detto che è interessato a entrare nel mercato internet, comprando capacità di trasmissione (banda larga all’ingrosso?), perché su interent ci sono ampi margini di crescita, basti pensare al boom della pubblicità. A me semb ra un segnale molto buono, dopo Murdoch anche Mediaset hanno capito che la bolla è stato un incidente di percorso e che la direzione è ormai segnata. Poi toccherà- da buoni ultimi- ai direttori ultra sessantenni delle testate giornalistiche italiane riconoscere il valore di internet. Lo faranno a malincuore, dopo avere usato la bolla come pretesto per continuare a non imparare, non aggiornarsi, e falcidare dai giornali le pagine dedicate alle nuove tecnologie (di recente, sul Corriere Lavoro). Ci sono tante storie da raccontare, non fatemi fare nomi. Ma in grandi gruppi editoriali c’è ancora qualcuno sulla sedia del comando che di fronte all’entusiasmo di qualcu altro dice “noi qui usiamo ancora la macchina da scrivere” (provocatoriamente), oppure “tanto la tecnologia non la capisce nessuno”. Forse è la prima volta nella storia che i direttori invece di guardare avanti per cogliere le notizie sono sistematicamente più arretrati degli eventi.

{ 3 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

bob ottobre 2, 2006 alle 15:15

ciao Alessandro,
mi sembra di cogliere nelle tue parole tutta la frustrazione di noi giovani “tecnofagi” alle prese con i matusa “tecnofobi”

non puoi che avere la mia solidarieta’

bye

Replica

Francesco ottobre 2, 2006 alle 15:16

Ciao Alex,
sto scrivendo la tesi proprio sull’argomento di questo post. Il tema a grandi linee è “il giornalismo scientifico e tecnologico in un quotidiano a tiratura nazionale”. Mi piacerebbe poter scambiare telefonicamente due chiacchiere anche con te sull’argomento. Ho parlato con alcuni tuoi colleghi per la parte che riguarda il giornalismo scientifico. Avrei bisogno di una mano per la parte di tecnologia.A leggere il tuo post mi sa che il rapporto con le redazioni dei quotidiani non è proprio idilliaco…
Se sei disponibile ti contatto via mail per concordare.
Grazie!

Replica

Stefano Hesse ottobre 6, 2006 alle 18:06

ha anche detto che Google è la dimostrazione che in quel mercato il business c’è, ed è enorme. Piano piano, ci si arriva tutti…via.

Replica

Lascia un commento

{ 1 trackback }

Articolo precedente:

Articolo successivo: