Nuovo Governo: digitale al centro o fallirà tutto, dal welfare al lavoro

di alex il 5 giugno 2018

Bisogna continuare sul solco tracciato, portando a compimento i progetti di PA digitale già avviati. E finalmente offrire ai cittadini maggiori benefici concreti, dalla digitalizzazione della macchina pubblica.

Al tempo stesso, si acceleri, forti di un nuovo impegno politico: con una governance politica più forte sui temi del digitale e a un’iniezione di competenze (digitali) tra i dipendenti pubblici.

C’è solo da sperare che il prossimo Governo mostri maggiore consapevolezza. Maggiore aderenza al presente. E faccia suo il principio, ormai assodato, che il digitale non è un settore a parte nella società e nell’economia. Da trattare a fianco (o magari in subordine, com’è avvenuto finora) di altri ambiti. Come il lavoro, l’immigrazione, la Sanità.

Leggi su Agendadigitale.eu l’articolo completo

 

Articoli correlati:
  1. Agenda digitale, nel 2018 il fantasma del reset: scacciamolo così
  2. Per una nuova politica del digitale, il nostro giornalismo

{ 4 commenti… prosegui la lettura oppure aggiungine uno }

Grazia aprile 29, 2019 alle 16:19

Dopo circa un anno come procede la tabella di marcia?…

Replica

Silvia maggio 24, 2019 alle 15:47

La strada intrapresa non mi sembra particolarmente coerente dopo un anno di governo…

Replica

Adriana giugno 20, 2019 alle 15:42

Intanto Vodafone attiva la prima rete 5G in Italia

Replica

Matteo G. ottobre 2, 2019 alle 16:26

Ancora non vedo la giusta strada rispetto al digitale e a questo governo..

Replica

Annulla la tua replica

Lascia un commento

Articolo precedente: