Agenda digitale, nel 2018 il fantasma del reset: scacciamolo così

di alex il 18 dicembre 2017

C’è un fantasma che si aggira sul futuro innovativo dell’Italia. E si chiama reset. Governance del digitale azzerata, dopo cinque anni di (relativa e travagliata) continuità. Ci sarà infatti, com’è noto, un nuovo Governo, e le scadenze del direttore generale dell’Agenzia per l’Italia Digitale e del Team Digitale Piacentini. I “direttori d’orchestra” del digitale in Italia insomma vanno via, su tutti gli ambiti dell’Agenda: la trasformazione della pubblica amministrazione, la banda ultra larga, industry 4.0, la cybersecurity.

È necessario ora non cadere preda dell’ansia per il futuro. E chiedersi con forza due cose, concetti magari da passare a chi fare il digitale in Italia nel 2018 (e oltre).

Primo: che cosa abbiamo fatto di buono in questi anni e quindi su cosa dobbiamo continuare, accelerando. Secondo: cosa fare per migliorare.

 

CONTINUA

 

Articoli correlati:
  1. Per una nuova politica del digitale, il nostro giornalismo
  2. Dal piano triennale al Paese digitale: il grande salto
  3. Cos’è l’Aikido e a che serve per la vita

Lascia un commento

Articolo precedente:

Articolo successivo: